rotate-mobile
Attualità

Grande attesa per l'intitolazione del largo adiacente la chiesa di via Stradonetto a monsignor Giuseppe Comerlati

Il largo verrà intitolato alla memoria di don Giuseppe Comerlati che per oltre 40 anni ha svolto qui il suo servizio sacerdotale con zelo e spirito cristiano

Il largo adiacente la chiesa di via Stradonetto a Pescara sarà intitolato alla memoria di don Giuseppe Comerlati e ci sono grande attesa e fermento da parte della comunità parrocchiale di Madonna del Fuoco per la cerimonia eucaristica che ufficializzerà largo Monsignor Giuseppe Comerlati. 
Già vicario generale al servizio episcopale della diocesi Pescara-Penne, con l'ottenimento dell'onorificenza pontificia di monsignore, Don Giuseppe ha lasciato un segno indelebile della sua missione pastorale rappresentando un esempio di fede e una fulgida luce capace di trascinare in parrocchia centinaia di giovani e famiglie, in un quartiere con tanti problemi di integrazione.

A distanza di dieci anni da quando don Giuseppe è tornato alla casa del padre, sono ancora vive le testimonianze di chi lo ha conosciuto e apprezzato.

In particolare apre nel 1974 il gruppo Agesci Pescara 8 dove la sua assistenza ha impreziosito l'attività degli scout a lui affidati, poi le comunità neocatecumenali che ha accolto in parrocchia dal 1975 e che ha sempre sostenuto. Da ricordare anche la realizzazione della nuova chiesa ellittica insieme a tutti gli spazi sportivi attigui. Sarà dunque monsignor Tommaso Valentinetti, arcivescovo metropolita di Pescara-Penne, a presiedere il rito commemorativo in programma lunedì 26 dicembre alle ore 11, alla presenza di numerose autorità ecclesiastiche e dell'amministrazione comunale. Sulla facciata della chiesa antica sarà scoperta una lapide commemorativa e sarà allestita una mostra fotografica sulle opere del prelato. «Un atto doveroso nei confronti di un'elevata figura religiosa che gode ancora oggi di profondo rispetto e devozione da parte dei fedeli, molti dei quali ricordano con nostalgia i campi scuola da lui promossi a Salle, Pretoro, Palena e Colledimacine», ricordano dalla parrocchia della Madonna del Fuoco.

«La scelta del 26 dicembre non è casuale perché ricorre il giorno del suo compleanno», dice don Carmine Di Marco, attuale parroco di Madonna del Fuoco, «sarà una grande festa per la nostra comunità nella gioia del Natale». 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Grande attesa per l'intitolazione del largo adiacente la chiesa di via Stradonetto a monsignor Giuseppe Comerlati

IlPescara è in caricamento