rotate-mobile
Attualità

La Asl traccia il bilancio 2019-2021 del blocco operatorio dell'ospedale: eseguiti più di 29 mila interventi

L'azienda sanitaria locale di Pescara fornisce i numeri relativi alle operazioni eseguite negli ultimi 3 anni

Sono complessivamente 29.159 gli interventi chirurgici eseguiti nell'ospedale di Pescara negli ultimi 3 anni, ovvero dal 2019 al 2021.
A fornire il dato è la Asl che ha stilato il report delle attività dell’unità operativa semplice dipartimentale gestione anestesiologica del Blocco Operatorio della ASL di Pescara del blocco operatorio.

A dirigerlo è Maria Rizzi.

Questi i numeri: nell’anno 2019 nel corso dell’attività standard del blocco operatorio sono state effettuate 2.252 sedute operatorie da 6 ore, pari a una media di 210 sedute al mese. Durante tali sedute sono stati eseguiti 10.513 interventi chirurgici, di cui 9.760 in regime di ricovero ordinario, comprendenti 3.019 in urgenza, 501 interventi in day surgery e 252 interventi ambulatoriali complessi. Nel 2020, 2.325 sedute operatorie da 6 ore, nel corso delle quali sono stati effettuati, in totale, 8.846 interventi chirurgici. Tra questi 8.277 in regime di ricovero ordinario, comprendenti 2.664 urgenze, 405 in day hospital, 164 interventi ambulatoriali complessi. Nell’analisi dei dati dell’anno 2020 non si può non tener conto della prima ondata pandemica da Covid-19, che ha interessato i mesi marzo-maggio 2020, durante la quale le misure adottate a livello nazionale e regionale hanno imposto la sospensione delle attività operatorie non urgenti. Per quanto riguarda il 2021, che pure ha risentito dell’ondata pandemica (mesi febbraio-aprile) ha consentito un rilevante numero di interventi chirurgici. Con 2.707 sedute operatorie sono stati eseguiti 9.800 interventi chirurgici, ovvero circa mille interventi in più rispetto il 2020.

Il comitato buon uso sale operatorie (Cobuso) della Asl di Pescara inoltre, nel corso del 2021, grazie al “Progetto Pulizie Liste di Attesa degli interventi chirurgici”, a oggi, ha già rivalutato tutti i casi relativi alle unità operative complesse di Urologia, Otorinolaringoiatria, Chirurgia Generale, Ginecologia e Ostetricia e sta continuando per le altre branche. Lo scopo del Comitato è quello di una puntuale gestione del problema delle liste d’attesa in sala operatoria. «Come noto», si legge in una nota della Asl, «in tutta Italia, a causa della pandemia, l’attività chirurgica è stata ridotta tra il 50% e l’80% e le liste di attesa si sono enormemente allungate per pazienti non urgenti e per le prestazioni ritenute rimandabili. A fronte di questa complessa situazione generale la Asl di Pescara, grazie al notevole impegno di anestesisti e chirurghi, ha dato una risposta valida ed è riuscita a contenere quanto più possibile le liste di attesa ottenendo risultati assimilabili a quelli prepandemici».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Asl traccia il bilancio 2019-2021 del blocco operatorio dell'ospedale: eseguiti più di 29 mila interventi

IlPescara è in caricamento