rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Attualità

La lotta al Coronavirus, Silli (coordinatore infermieri): "Grazie a chi sta sacrificando tutto in silenzio e nell'ombra"

Medici, infermieri e Oss che senza sosta provano a fronteggiare un virus conagioso e pericoloso che mai si era visto prima

Tra poco sarà un mese che gli operatori sanitari degli ospedali pescaresi stanno lottando senza sosta per salvare la vita di chi è contagiato dal Covid-19 (Coronavirus).
Medici, infermieri e Oss che senza sosta provano a fronteggiare un virus conagioso e pericoloso che mai si era visto prima.

Sono professionisti dei quali però sarà bene non dimenticarsi quando tutto sarà finito perché adesso stanno lottando, anche senza i giusti dispositivi di protezione e sicurezza, tanto che in Italia un 10% di essi è stato contagiato. A Pescara e Penne lavorano nell'ombra e in silenzio con il solo scopo di salvare il maggior numero possibile di vite.

In prima linea c'è anche Lorenzo Silli, coordinatore degli infermieri della Asl di Pescara che ha voluto dedicare un post ai suoi colleghi:

"Solo e soltanto GRAZIE. Grazie a chi, in silenzio e nell'ombra sta sacrificando TUTTO, finanche la propria salute per combattere senza sosta e senza tregua una emergenza sanitaria senza precedenti. Personale Sanitario , Uomini e Donne che hanno scelto di dedicare la propria vita al prossimo, ad ogni costo, in ogni condizione e sopra ogni cosa. Bene, questo è quello che stiamo facendo ed è quello che faremo fino a che non avremo VINTO la nostra battaglia, forse la più dura di sempre. Ho visto di tutto nella vita ma questa è davvero una situazione indescrivibile. Per cui GRAZIE a tutto il personale sanitario per il coraggio, il rispetto ma soprattutto L'AMORE che quotidianamente dimostrano sul campo. Scrivo queste poche righe perché voglio che voi tutti sappiate, che queste persone rischiano la vita per voi per cui RISPETTATELE con l'unico modo che avete per farlo: stando a casa, coltivando i vostri hobbies e circondati dai vostri affetti, non mettete a repentaglio la vostra salute né quella di nessun altro con comportamenti superficiali e contrari alla norma e al buon senso che questo momento impone. Godete di questi momenti voi che potete e tutelate i vostri cari. "Abbiamo quaranta milioni di ragioni per fallire, ma non una sola scusa."

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La lotta al Coronavirus, Silli (coordinatore infermieri): "Grazie a chi sta sacrificando tutto in silenzio e nell'ombra"

IlPescara è in caricamento