rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Attualità

La provincia di Pescara decisamente più a misura di bambini e di anziani che per giovani: l'indagine del Sole24Ore

Le tre categorie sono state oggetto per il quarto anno consecutivo dell'indagine sulla "Qualità della vita" con il territorio che sulle 107 province considerate, si piazza rispettivamente 58esima e 59esima per quanto riguarda i servizi per bambini e anziani e 89esima per quelli rivolti ai giovani

Pescara è decisamente una provincia più per bambini (0-10 anni) e anziani che per giovani, sebbene anche per le prime due categorie si collochi appena dopo la metà classifica della “Qualità della vita” stilata dal Sole 24ore. La provincia di Pescara si classifica infatti al 59esimo per quanto riguarda la qualità di vita dei più piccoli e al 58esimo posto in relazione ai più fragili sulle 107 province oggetto d'indagine. Sul fronte qualità della vita dei giovani è invece 89esima. 

L'indagine che guarda alle tre categorie è alla quarta edizione con gli indici raccolti che misurano e “risposte” dei territori alle esigenze specifiche dei tre target generazionali più fragili e insieme strategici, i servizi a loro rivolti e le condizioni di vita e di salute (12 indicatori per categoria).

Ricevi le notizie de IlPescara su Whatsapp

Guardando alla classifica nazionale le tre province a misura di bambino e dunque sul podio sono Sondrio (punteggio 526,2), Ravenna (519,7) e Trieste (517,5); quelle a misura di giovane sono Gorizia (586,6), ancora Ravenna (585,6) e Forlì-Cesena (579,5). Infine le tre province a misura di anziani che sono Trento (632), Como (593) e Cremona (587,8).

Le peggiori sono per i bambini Catania (226,5), Palermo (212,4) e Crotone (176,5); per i giovani Brindisi (336,2), Taranto (287,3) e il sud della Sardegna (265,7); per gli anziani Reggio Calabria (307,5), Messina (307,2) e Lucca (295,2).
 

In qualità della vita per i bambini tra 0 e 10 la provincia di Pescara è 59esima: il dettaglio

Con un punteggio di 373,7 la provincia si colloca al 59esimo posto con tra le posizioni migliori quella del verde attrezzato nel comune capoluogo che la vedono al 19esimo posto. Una delle poche posizioni sopra la metà della classifica insieme, ad esempio, al numero dei pediatri attivi ogni mille residenti (0-14 anni) che la vedono 38esima e i delitti denunciati a danno dei minori (1,5 ogni 10mila minori) che la collocano 34esima, stessa posizione che interessa la spesa sociale per famiglie e minori. Poco sopra la metà classifica anche per quanto riguarda i progetti pnrr per l'istruzione: la provincia è 48esima.

Nella classifica la posizione peggiore è quella riguardante il numero di bambini che hanno usufruito dei servizi per l'infanzia per cui la provincia è 91esima. Male anche per quanto riguarda i giardini scolastici che vedono il Pescarese 83esimo in classifica.

Sotto la metà della classifica per quanto riguarda la qualità della vita dei bambini anche gli spazi abitativi (70esima), le palestre negli edifici scolastici (60esima) e l'indice sportivo (praticanti, scuole e risultati) che vedono la provincia di Pescara 67esima.

Per quanto riguarda la competenza numerica e quella alfabetica non adeguata la provincia si colloca rispettivamente al 40esimo e il 19esimo posto.
 

I qualità della vita per i giovani la provincia di Pescara è 89esima: il dettaglio

Con 386,7 di punteggio la provincia di Pescara si colloca 89esima per quanto riguarda la qualità della vita dei giovani. La posizione più alta in classifica la provincia la occupa sul fronte dei concerti: è 26esima per quanto riguarda gli spettacoli che si svolgono ogni 10mila abitanti rivolti tra i 18 e i 35 anni. Bene anche sul fronte dei laureati con il Pescarese 33esimeo in percentuale su una popolazione tra i 25 e i 39 anni. Sopra la metà della classifica anche per bar e discoteche: 43esima con la presenza di un locale ogni 10mila residenti (tra i 18 e i 35 anni). A metà classifica e cioè al 58esimo posto la provincia per quanto riguarda la trasformazione dei contratti a tempo indeterminati (variazioni ogni mille abitanti da rapporti a termine, stagionali, in somministrazione, intermittenti e apprendistato).

Posizione peggiore per le aree sportive con il Pescarese 96esimo. Seguono i matrimoni celebrati ogni mille abitanti: in classifica la provincia è 88esima e la disoccupazione giovanile (15-34 anni) che vedono la provincia 78esima. Male anche sul fronte dei giovani residenti tra i 18 e i 35 anni per cui Pescara è 78esima. Per l'età media del parto riferita al primo figlio è 73esima. Quindi 70esima per i canoni di colazione in zona sem-icentrale e l'imprenditoria giovanile con titolari under 35 che vedono la provincia 66esima.
 

I qualità della vita per gli anziani la provincia di Pescara è 58esima: il dettaglio

Il punteggio con cui Pescara si colloca 58esima nella classifica della qualità della vita a misura di anziano è di 418,1. Sono decisamente molti i geriatri in provincia di Pescara tanto che la provincia è quarta nella classifica del Sole24Ore per il numero ogni 100mila abitanti dai 15 anni in su. Male però sul fronte degli infermieri non pediatrici che vedono il territorio 82esimo (sempre ogni 100mila abitanti). La speranza di vita a 65 anni vedono la provincia piazzarsi 30esima, con anche un notevole consumo di farmaci per malattie croniche (24esima in quanto a unità minime farmacologiche pro capite vendute e cioè farmaci per l'ipertensione, il diabete, e l'asma Bco).

Nella prima metà della classifica la provincia anche per quanto riguarda il consumo di farmaci per depressione (46esima per unità minime farmacologiche pro capite vendute). Posizione praticamente identica anche per quanto riguarda le persone sole: la provincia è 47esima.

Male per quanto riguarda i posti nelle rsa disponibili ogni mille over 65: 80esima la provincia di Pescara che è anche 85esima ul fronte della partecipazione civile (dipendenti non profit con 50 anni e oltre ogni mille residenti della stessa età). Per quanto riguarda gli utenti dei servizi sociali del Comune è 98esima in classifica.

In bassa classifica anche per quanto concerne gli orti urbani per cui il territorio è 85esimo (metri quadrati ogni 100 residenti con 65 anni e oltre nel comune capoluogo). Posizione peggiore per quanto concerne le biblioteche (ogni 10mila abitanti residenti con 65 anni e oltre): la provincia è 100esima. Infine gli esporti per inquinamento acustico (66esima).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La provincia di Pescara decisamente più a misura di bambini e di anziani che per giovani: l'indagine del Sole24Ore

IlPescara è in caricamento