Attualità

Inchiesta Naiadi, il presidente Marsilio "Nessuna sorpresa, certo che Areacom dimostrerà di aver agito bene"

Il presidente della Regione commenta la notizia relativa all'iscrizione di quattro persone sul registro degli indagati per turbativa d'asta riguardo l'affidamento ventennale del complesso sportivo. Tra questi anche il direttore dell'Agenzia regionale di committenza che, afferma, "saprà dimostrare di aver agito nell'interesse pubblico"

"La notizia relativa all’inchiesta sull'affidamento della gestione delle Naiadi non coglie di sorpresa. Già da diversi mesi, la procura ha avviato attività di acquisizione di atti relativi all’imponente procedura di appalto, a seguito di molte denunce, comunicati stampa e segnalazioni che si sono freneticamente susseguiti. Ci affidiamo quindi al sereno giudizio della competente magistratura". 
A dichiararlo è il presidente della Regione dopo la notizia relativa all'iscrizione sul registro degli indagati di quattro persone per turbativa d'asta per le presunte irregolarità riscontrate nell'iter del bando di gara per l'affidamento ventennale, con anche l'attenzione posta sull'affidamento in via d'urgenza promosso nonostante non fossero scaduti i termini della gara.
"Sono certo che il direttore di Areacom Donato Cavallo - aggiunge Marsilio - saprà dimostrare di aver agito nell’interesse del bene pubblico e della tutela del valore rappresentato dalle Naiadi e dall’interesse pubblico di vedere la struttura riaperta il prima possibile, anche per il rischio di grave ammaloramento degli impianti a cui sarebbe andata incontro in caso di prolungata chiusura”. 
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inchiesta Naiadi, il presidente Marsilio "Nessuna sorpresa, certo che Areacom dimostrerà di aver agito bene"
IlPescara è in caricamento