rotate-mobile
Attualità

Inagibilità del teatro d'Annunzio, la rassicurazione di Meale (Emp): "Gli spettatori non hanno mai corso rischi"

All'indomani della polemica esplosa a seguito della notizia della chiusura del teatro, il presidente dell'Ente manifestazioni pescaresi fa alcune precisazioni sottolineando che tutti i controlli sono sempre stati fatti per garantire la fruibilità degli spazi in occasione dei tanti eventi che ospita. Sull'Antistadio: "Sicurezza assicurata, avremo 300 posti in più"

“Sul teatro d'Annunzio mi preme chiarire che l'Ente manifestazioni pescaresi non ha esposto i fruitori della struttura ad alcun rischio. In qualità di presidente di questa realtà da marzo 2021 mi sono premurato, anche con incarichi affidati direttamente dall'Ente, di far effettuare i controlli necessari a valutare l'agibilità del teatro, e la relativa certificazione è stata puntualmente rilasciata”.

A precisarlo è Valter Meale, presidente dell'Emp che torna sul tema dell'inagiblità del teatro che ha fatto esplodere la polemica, rimarcando ancora una volta, come già fatto in occasione della conferenza stampa svoltasi in Comune, che sulla sicurezza nulla sarebbe stato mai tralasciato al fine non solo di chiudere almeno questa pagina di critiche, ma anche di tranquillizzare i tanti che in questi anni hanno affollato gli eventi che vi si sono svolti.

L'occasione anche per fare precisazioni sugli interventi fatti per avere le certificazioni che ne hanno fin qui garantito l'utilizzo. “I lavori di puntellamento della struttura sono stati sostanzialmente validati e il certificato di idoneità statica temporanea è stato rilasciato nel 2023 con una limitazione dell'utilizzo delle sole gradinate al 90 per cento (è stato interdetto cioè il 10 per cento dei posti). Nessuno spettatore ha rischiato alcunché, entrando a teatro”, ribadisce Meale che replica anche al centrosinistra che ha accusato la maggioranza di aver nascosto la notizia dell'inagibilità essendone a conoscenza, come riferito dal presidente del consiglio comunale Marcello Antonelli, dal 6 marzo con la comunicazione fatta all'Ente l'8 e la decisione di dare la notizia con le soluzioni già trovate in vista della stagione estiva.

“Il Comune non ha affatto taciuto sulla dichiarata inagibilità del teatro d'Annunzio che al momento è chiuso – afferma -. Anzi, l'Emp, che si occupa della gestione del d'Annunzio, è stato informato puntualmente dal Comune e ci siamo subito adoperati, con il Comune stesso e con tecnici che collaborano con l'Ente manifestazioni pescaresi, per trovare una location alternativa, che è stata individuata prima sulla carta, nel corso di una riunione, e poi validata ieri mattina (mercoledì 20 marzo)”. Proprio quel sopralluogo sarebbe stato atteso dalla maggioranza di Palazzo di Città e l'Ente stesso prima di poter diffondere la notizia. Notizia che però è stata data dai consiglieri d'opposizione che hanno chiesto chiarimenti sia sulla vicenda che sul cartellone.

La soluzione è stata individuata, come già riferito, nell'Antistadio (campo Flacco) che dopo quel sopralluogo, ribadisce il presidente Emp, è risultato idoneo sotto tutti gli aspetti di sicurezza per ospitare le manifestazioni a cominciare dal Pescara Jazz e il Funambolika, eventi di punta del cartellone estivo.

Il palco, fa quindi sapere, “sarà posizionato verso via Pepe e sarà possibile accogliere circa 300 spettatori in più rispetto al d'Annunzio, superando i duemila posti che erano disponibili a teatro”.

“Voglio quindi rassicurare tutti i pescaresi che gli eventi estivi non saranno compromessi perché questa nuova location è perfettamente idonea ad ospitare questo tipo di eventi, e c'è anche la necessaria dotazione di parcheggi. Ora affronteremo anche la questione dei costi e siamo certi che il Comune ci verrà in aiuto”, conclude. Una risposta questa che sembra anche rivolta alla presidente dei Premi Flaiano Carla Tiboni che commentando la notizia aveva tra le altre cose proprio posto questo problema.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inagibilità del teatro d'Annunzio, la rassicurazione di Meale (Emp): "Gli spettatori non hanno mai corso rischi"

IlPescara è in caricamento