Imputati del processo su Rigopiano chiedono la revoca del sequestro degli stipendi

Gli avvocati dell’ex prefetto Francesco Provolo e dei dirigenti regionali Sabatino Belmaggio e Carlo Visca hanno avanzato tale proposta in merito a quanto disposto dal giudice per le udienze preliminari Sarandrea a carico dei loro assistiti

L'ex prefetto Francesco Provolo

Tre imputati del processo su Rigopiano chiedono la revoca del sequestro di un quinto dei loro stipendi recentemente stabilita dal tribunale. Gli avvocati dell’ex prefetto Francesco Provolo e dei dirigenti regionali Sabatino Belmaggio e Carlo Visca hanno avanzato tale proposta in merito a quanto disposto dal giudice per le udienze preliminari Sarandrea a carico dei loro assistiti. 

Nel caso di Provolo è stata sollevata una questione di legittimità costituzionale, mentre per quanto riguarda gli altri due si è sottolineato che la decisione riguardava appunto gli stipendi, e non anche le pensioni, come sta invece succedendo a Visca. La decisione del riesame verrà resa nota entro fine dicembre. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'annuncio del presidente Marsilio: "L'Abruzzo torna in zona arancione"

  • Ragazza scomparsa da Montesilvano, l'appello per ritrovarla [FOTO]

  • Saturimetro: cos’è, come si usa e perché, proprio ora, è fondamentale

  • A "L'ingrediente perfetto" su La7 Roberta Capua prepara gli arrosticini in padella con burro e salvia [FOTO - VIDEO]

  • Nel nuovo dpcm per il Covid arriva la zona bianca: per l'Abruzzo serviranno meno di 650 contagi a settimana

  • Coniugi di Rosciano in quarantena per il Covid escono per fare acquisti: fermati a Nocciano, scatta la denuncia

Torna su
IlPescara è in caricamento