rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Attualità

Guerra in Ucraina, anche a Pescara una manifestazione per chiedere la pace

Associazioni, movimenti politici e civili si ritroveranno sabato 26 febbraio in piazza Salotto per dire no al conflitto scoppiato al confine fra Russia e Ucraina

Anche a Pescara il mondo dell'associazionismo e diversi partiti e movimenti politici hanno risposto all'appello nazionale di Peacelink (https://www.peacelink.it/campagnaucraina), per scendere in piazza contro la guerra scoppiata al confine fra Russia e Ucraina dopo l'ingresso delle truppe del presidente Putin, la notte scorsa, nel territorio ucraino. Appuntamento sabato 26 febbraio in piazza Salotto a partire dalle 16.

"Rifiutiamo che in Europa, come in ogni altra parte del mondo, le problematiche ancorchè complesse, si risolvano con l’uso della forza e della violenza. Violenza che colpisce sempre i meno responsabili, i più deboli: i civili inermi.
Rende orfani, profughi, crea disastri ambientali, distrugge case e territori.

Riconosciamo le gravi responsabilità della Nato che, nonostante le sue dichiarazioni al momento della dissoluzione dell’Unione Sovietica, continua imperterrita i suoi tentativi di espansionismo ad est, divenendo la vera destabilizzatrice della pace globale. Nonché quello delle potenze europee che non hanno fatto altro che assecondare gli Stati Uniti nel loro gioco di influenze. Parimenti non tolleriamo nemmeno la politica “neo-zarista” di Putin, che agisce per interessi uguali e opposti a quelli statunitensi."

Gli organizzatori e le associazioni aderenti chiedono al governo il rispetto dell'articolo 11 della Costituzione sul ripudio della guerra, adoperandosi in ogni modo per la pace, il dialogo scongiurando ulteriori escalation militari.

"Rifiutiamo qualsiasi tipo di propaganda bellicista, riteniamo che il nostro Paese non debba offrire in alcun modo forme di collaborazione logistica e militare, compreso l’utilizzo da parte di terzi delle basi militari presenti sul territorio." Fino ad ora hanno aderito alla protesta Rete oltre il ponte,  Mediterranea saving humans,  Partito della Rifondazione Comunista, Giovani Comunisti/e, Deposito dei segni,  Arci Pescara, Sinistra Italiana, Potere al Popolo, Mazì Arcigay Pescara, Udi Pescara, Anpi Pescara, Collettivo Zona Fucsia, Radio Città Pescara popolare network 97.8 Fm, Unione inquilini – Pescara, Azione Civile Abruzzo, Cgil Pescara, Confederazione Cobas Abruzzo,  Uniti a Sinistra per Francavilla, Buendia Primofoglio, Associazione antimafie Rita Atria – PeaceLink Abruzzo, Associazione nazionale di amicizia Italia-Cuba Abruzzo/Pescara, Coalizione Civica Pescara, Cidi Pescara, Voci di dentro, Casa Arcobaleno Pescara, Jonathan – Diritti in Movimento, Priorità alla scuola, Cgil Abruzzo Molise, Mercato Scoperto San Vito, La Paz centro Italia Abruzzo, Molise, provincia di Ascoli e Rieti, Legambiente Abruzzo. Ciclofficina Popolare Cap15, Stamperia Popolare Gelatina, Clean Up Pescara ,Partito Democratico e Giovani Democratici

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Guerra in Ucraina, anche a Pescara una manifestazione per chiedere la pace

IlPescara è in caricamento