Sabato, 16 Ottobre 2021
Attualità

Venti giovani avviati al percorso per diventare guardie fluviale con il progetto Go.l.e.n.a.

Presentato e illustrato in Comune il nuovo passo del progetto Go.l.e.n.a. (life, empowerment, nature, activism)

Presentato in Comune il nuovo passaggio del progetto Go.l.e.n.a. (life, empowerment, nature, activism) con 20 giovani che saranno avviati al percorso per diventare guardie fluviali. Presenti anche i rappresentanti delle tre associazioni partner: Arci, Pas - Partecipazione Attiva Studentesca Aps e Movimentazioni Aps.
Tramite un avviso pubblico si punta a individuare, come previsto tra le varie attività, 20 giovani guardie fluviali che dedicheranno le loro aspirazioni alla promozione del fiume Pescara come risorsa a scopo turistico e ambientale.

Il fine è quello di porre le basi per immaginare un ruolo diverso per questo corso d’acqua che d’Annunzio chiamava “la Pescara” e che definisce in tutto e per tutto, insieme al mare, l’identità della città.

GO.l.e.n.a. è infatti il progetto portato avanti dall’amministrazione comunale per la valorizzazione del fiume Pescara, uno tra i dieci finanziati dal bando “Fermenti in Comune” di Anci; ha la caratteristica principale di individuare nelle fasce giovanili i portatori di interesse per lo sviluppo del territorio. Oltre all'individuazione di 20 guardie fluviali, tra gli obiettivi inseriti nel programma di ecomuseo fluviale anche un percorso visivo identificativo fino al mare, la realizzazione di un racconto multimediale, passeggiate ecologiche a piedi, in bicicletta e in battello, eventi culturali, teatrali e laboratori, creazione di un logo identificativo e di un “Diario di bordo” social. L’intervento complessivo prevede un finanziamento complessivo di  229mila euro, di cui 71mila diretti a livello locale.

«È un momento molto importante per la realizzazione dei nostri progetti  materia di tutela ambientale nel territorio comunale, in particolare del fiume e del nostro mare che quest’anno si è fregiato della Bandiera Blu», dice l'assessore Patrizia Martelli, «questi ragazzi percepiranno complessivamente una somma di 3mila euro nell’arco di circa 10 mesi, confidiamo molto nell’impegno perché sul fiume puntiamo molto per sviluppare la capacità attrattiva della città. La sottoscrizione del Contratto di fiume, la creazione del parco depurativo,l’ampliamento del depuratore sono allo stesso tempo premesse e condizioni ineludibili per alimentare questa visione. Parallelamente portiamo ora avanti questa iniziativa di valorizzazione del fiume».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Venti giovani avviati al percorso per diventare guardie fluviale con il progetto Go.l.e.n.a.

IlPescara è in caricamento