rotate-mobile
Attualità

Giornata mondiale dei poveri: la Caritas apre le porte sulle fragilità con "Un selfie sul mondo"

L'iniziativa si svolgerà dal 15 al 18 novembre, ma domani in occasione della giornata dedicata ai fragili saranno diverse le iniziative dell'arcidiocesi organizzate per e con loro

Anche la Caritas diocesana Pescara-Penne si prepara a celebrare domani la VI giornata mondiale dei poveri voluta dalla Chiesa e che si svolgerà domani domenica 13 novembre. Sotto l'egida della citazione paolina “Gesù Cristo si è fatto povero per noi” la giornata si aprirà con la santa messa celebrata dal vicario generale monsignor Francesco Santuccione che si terrà nella cappella della Cittadella dell'accoglienza di via Alento. Saranno poi gli operatori dei centri ad animare la giornata.

Una giornata che arriva in concomitanza con la pubblicazione del bilancio sociale 2021 della Caritas pescarese che ci racconta come la pandemia abbia cambiato anche il volto della povertà.

“Un appuntamento – spiega Corrado De Dominicis, direttore della Caritas diocesana di Pescara-Penne - all’insegna della prossimità ai più fragili. Un’occasione non tanto per i poveri, ma da vivere con i più poveri, intensificando la cultura dello stare insieme, della condivisione e della fratellanza”.

L'occasione per lui anche per commentare indirettamente quanto sta avvenendo nei porti italiani. “In questo momento – conclude infatti il direttore della Caritas- in cui l’attualità nel nostro Paese ci parla di migranti in attesa di un porto sicuro e che sembra mettere da parte umanità e tutela di chi chiede aiuto, vogliamo mostrare alla società civile la bellezza dell’accoglienza, dell’integrazione e degli splendidi frutti che ne derivano”.

Iniziative quelle pensate in occasione dell'evento di domani che non si fermeranno alla domenica: dal 15 al 18 novembre infatti prenderà vita “Un selfie sul mondo” in cui i centri d’ accoglienza Sai per migranti gestiti dalla Caritas apriranno le loro porte al pubblico, dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18.30, per far mostra dei murales realizzati dagli accolti e mettersi in ascolto di testimonianze che ci parlano di solidarietà, speranza e costruzione di un futuro di comunità.

Per partecipare alle visite, singole o di gruppo, è possibile prenotarsi scrivendo una e-mail all’indirizzo lapedream@caritaspescara.it.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giornata mondiale dei poveri: la Caritas apre le porte sulle fragilità con "Un selfie sul mondo"

IlPescara è in caricamento