rotate-mobile
Attualità

La Fondazione Paolo VI eccellenza nella cura del Parkinson con il progetto Mirt [FOTO]

Convegno nella sede di Pescara della Fondazione Paolo VI per il progetto Mirt (Multidisciplinar Intensive Rehabilitation Treatment)

Una squadra multidisciplinare di neurologi-neuroriabilitatori, fisiatri, fisioterapisti, psicologi e assistenti sociali per realizzare una presa in carico a 360 gradi del malato di Parkinson e Parkinsonismi. 
È questo l’aspetto innovativo del progetto Mirt (Multidisciplinar Intensive Rehabilitation Treatment), che punta sul miglioramento della qualità di vita del paziente, attuato con successo dalla Fondazione Paolo VI di Pescara che rappresenta il punto di riferimento per il Centrosud Italia del Mirt Park project. 

Una rete di 10 centri in Italia, i cui specialisti si sono riuniti sabato 1 giugno nella sala convegni del centro adriatico di Pescara sul lungomare Giovanni XXIII, 55, dando vita al secondo congresso nazionale Mirt dal tema “La cura multidisciplinare per i pazienti con malattia di Parkinson”:

«La malattia di Parkinson», spiega Giuseppe Frazzitta, neurologo, neuroriabilitatore, nonché ideatore e presidente del Mirt Park Project, «è una malattia che non riduce l'aspettativa di vita. Così l'obiettivo che questo progetto si propone è quello di permettere al paziente di avere un'ottima qualità di vita. Purtroppo un trattamento tradizionale, solo farmacologico, determina lo sviluppo di effetti collaterali importanti provocando un peggioramento drammatico della qualità di vita, oltre che una riduzione dell'aspettativa di vita. Questo va assolutamente evitato, attraverso una presa in carico multidisciplinare da parte di diversi specialisti, in modo tale che il paziente possa iniziare da subito un po’ di attività motoria, abbia uno psicologo di supporto per quanto riguarda l'accettazione della malattia e, soprattutto, si possano usare i dosaggi più bassi possibili di farmaci per evitare lo sviluppo degli effetti collaterali». 

Ricevi le notizie de IlPescara su Whatsapp

Un progetto, il Mirt Park Project, che vanta una storia orma trentennale contando più di 80 pubblicazioni scientifiche e 4 mila citazioni da parte sui maggiori sulle maggiori riviste internazionali. Un progetto del quale la Fondazione Paolo VI è un partner prestigioso: «Una struttura di eccellenza internazionale», evidenzia Frazzitta, «dal punto di vista della qualità degli operatori e dalla possibilità di opportunità che vengono date per la cura di diverse problematiche di tipo riabilitativo». Il centro di riabilitazione pescarese ha intrapreso con grande impegno le attività di questo nuovo approccio curativo della malattia di Parkinson: «Siamo partiti con grande entusiasmo», dice Carla Iarlori, neurologa e neuroriabilitatrice del centro Mirt nella Fondazione Paolo VI, «che, al di là degli operatori, abbiamo riscontrato anche negli utenti i quali sono stati posti al centro di questo percorso terapeutico. Ad esempio abbiamo attivato un “day hospital Mirt” con i pazienti, provenienti da diverse regioni italiani, che si sottopongono dapprima ad una valutazione neurologica in base al quale viene stilato un protocollo riabilitativo che il paziente svolge a casa, mediante video-lezioni, dandoci poi feedback sul suo andamento. E poi abbiamo organizzato degli incontri di parent-training, dedicati ai pazienti e ai loro caregiver, per confrontarci e prendere in carico tutto quelle che sono le difficoltà e le soluzioni alle problematiche che il Parkinson comporta».

Dunque, il Mirt Park project si fonda su di un lavoro di squadra che ha potenziato in modo sostanziale i risultati ottenuti dagli specialisti della Fondazione Paolo VI: «Il lavoro d’equipe», conferma Elisa Di Tillio, direttrice generale del centro di riabilitazione pescarese, «è la strategia vincente da attuare in pazienti problematici, come quelli affetti da malattia di Parkinson, per raggiungere obiettivi fondamentali come il miglioramento della qualità di vita del paziente». 
Non è mancato anche l’apprezzamento dell’arcivescovo di Pescara-Penne, monsignor Tommaso Valentinetti: «Sono molto contento perché questa Fondazione trae la sua ispirazione dal motto latino “mens sana in corpore sano". Cioè un un'anima tranquilla, serena, pacificata e una possibilità di raziocinio che possa essere adeguata ad affrontare la realtà della vita, si può ottenere solo se c'è un corpo che in qualche modo reagisce e reagisce bene. Le varie cure che si fanno in questo centro sono particolarmente adatte a questo tipo di risposta e il protocollo Mirt, ideato dal dottor Frazzitta, rafforza il raggiungimento di questo obiettivo».

Fondazione Paolo VI progetto Mirt cura Parkinson

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Fondazione Paolo VI eccellenza nella cura del Parkinson con il progetto Mirt [FOTO]

IlPescara è in caricamento