menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il sindacato Flc Cgil Abruzzo preoccupato per il rientro a scuola del 7 gennaio: "È mancata una cabina di regia"

Il segretario Giuseppe La Fratta critica la Regione per la gestione del ritorno a scuola degli alunni e studenti fissato per il prossimo 7 gennaio anche in Abruzzo

In Abruzzo è mancata una cabina di regia unica, che coinvolgesse tutte le parti in causa per un rientro coordinato nelle scuole degli alunni e studenti il prossimo 7 gennaio. A parlare è il segretario di  Flc-Cgil Abruzzo e Molise, Giuseppe La Fratta che attacca la regione per non aver organizzato meglio la gestione del ritorno sui banchi degli alunni delle scuole elementari e medie, e degli studenti delle scuole superiori con didattica al 50% come previsto dal decreto del Governo.

La richiesta di una cabina unica di regia prevedeva il coinvolgimento dei prefetti, degli assessorati e del presidente della Regione, per interfacciarsi a livello provinciale in modo più chiaro considerando che le ordinanze sono regionali spiega il segretario all'Ansa:

Poi c'era stata anche la richiesta da parte nostra di essere convocati ai tavoli prefettizi, perchè come sappiamo il Dpcm prevede che ci siano questi tavoli che coinvolgono i sindaci delle città più grandi, gli ambiti territoriali provinciali di aziende di trasporto e le Asl, e che escludono di fatto le organizzazioni sindacali e le scuole. Quindi non c'è una rappresentanza delle scuole nei tavoli, vengono tutte rappresentate dal dirigente dell'Ufficio scolastico regionale e quindi questo mina anche la possibilità di avere una idea un po' più complessiva

 Gli interventi, invece, sono arrivati a macchia di leopardo spiega il sindacalista, con differenze fra le varie province, con una situazione caotica che difficilmente sarà risolta entro 48 ore.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento