Festa della Madonna dei 7 Dolori senza venditori ambulanti: "Siamo invisibili"

Esplode la rabbia dei commercianti: "Solo ieri ci hanno comunicato che non avremmo potuto aprire le bancarelle, ma noi eravamo lì dal 2 giugno: avrebbero potuto farcelo sapere prima. Non è giusto che ci impediscano di lavorare"

La frase è inequivocabile: "Siamo invisibili". Esplode la rabbia dei commercianti ambulanti che sono stati esclusi dalla Festa della Madonna dei 7 Dolori a causa dell'emergenza sanitaria legata al coronavirus. Loro però non ci stanno, e a IlPescara.it spiegano le proprie ragioni.

«Siamo stati dimenticati da tutti - ci dice un venditore di noccioline - Ci sentiamo abbandonati, nessuno ci tutela. Solo ieri ci hanno comunicato che non avremmo potuto aprire le bancarelle, ma noi eravamo lì dal 2 giugno: avrebbero potuto farcelo sapere prima. Noi paghiamo regolarmente i contributi e tutto il resto, e non è giusto che ci impediscano di lavorare. Ci andava bene anche di metterci vicino alla chiesa, senza fare assembramenti. Avevamo predisposto tutto: la distanza di sicurezza, l'uso di mascherine e guanti... eravamo pronti, e invece l'ultimo giorno è arrivata la doccia fredda».

Proibire a queste persone di svolgere la loro professione significa creare un grosso problema di sostentamento: «Non potremo partecipare a nessuna manifestazione, nessun evento, nessuna sagra. Ma noi lavoriamo stagionalmente: se ci saltano tutte le feste, di che cosa campiamo? Non ci aiuta nessuno, non abbiamo niente e non sappiamo come fare».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come si diceva, tutto nasce dal fatto che questo è un impiego esclusivamente stagionale: «Noi lavoriamo da marzo-aprile fino a ottobre e novembre. Se ci tolgono questa stagione ci fanno fallire. Non sappiamo con che cosa poter andare avanti. Non diamo la colpa di questa situazione al Comune di Pescara ma alla Regione, perché è quest'ultima a non dare le specifiche e a non fornirci le linee guida, come si è fatto ad esempio per i mercati rionali. Le altre regioni si stanno dando da fare in tal senso. È la Regione Abruzzo che deve dirci: "Ok, si deve fare così, la festa deve svolgersi in questa maniera etc.". Siamo messi da parte. Chiediamo maggiore attenzione da parte di chi dovrebbe occuparsi della questione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Che paura la Pantafica! Storia della spaventosa leggenda abruzzese

  • Morto l'ex arbitro di calcio Stefano Pitocco, aveva 44 anni: Loreto Aprutino e Aia-Pescara in lutto

  • Uomo trovato morto nella sua camera dalla madre, tragedia nel Pescarese

  • Chiarita la causa del decesso dell'uomo trovato in una pozza di sangue nella sua camera dalla madre

  • Morto l'uomo di Città Sant'Angelo colto da un infarto mentre correva con la moglie

  • Malore nel bagno di un autogrill sull’A14, muore un uomo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPescara è in caricamento