rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Attualità

Sono 738 le famiglie povere sostenute dagli Empori della Solidarietà, Caritas lancia la campagna "Insieme a te"

La Caritas diocesana Pescara-Penne lancia un progetto di prossimità per questo Natale 2021

Sono ben 738 le famiglie povere sostenute dagli Empori della Solidarietà e 1.070 le persone accolte dal Centro d'Ascolto diocesano, per il momento, nel 2021.
Siamo a Natale ed è tempo di bilanci per la Caritas diocesana Pescara-Penne che lancia la campagna di solidarietà "Insieme a te".

Il direttore Corrado De Dominicis: «Insieme a te, perché questo tempo sia una festa per tutti, grazie al volontariato e alla rete sociale».

«Un progetto di prossimità», aggiunge De Dominicis, «che invita tutti al sostegno, all'accoglienza e alla solidarietà, in uno spazio concreto di volontariato, perché i giorni natalizi possano essere un tempo di festa per tutti e perché ogni giorno, tutto sommato, possa essere Natale».

“Insieme a te”, infatti, è un modo concreto per farsi prossimi. Basta contattare il numero 3389011334 o inviare una mail a volontariato@caritaspescara.it per mettersi a disposizione di chi è nel bisogno. «È un regalo che facciamo agli altri», prosegue De Dominicis, «ma anche un dono più grande che facciamo a noi stessi, perché le braccia aperte verso i fratelli incarnano nella giusta dimensione questi giorni di fede, ma offrono anche una riflessione seria e una risposta di senso sulla nostra vita».

I numeri del bisogno sono abbastanza eloquenti: 58.378 i pasti erogati dalle mense di Pescara e Montesilvano, 738 le famiglie sostenute dagli Empori della Solidarietà e 1.070 le persone accolte dal Centro d'Ascolto diocesano, per il momento, nel 2021 «segno di una cronicizzazione delle povertà e delle fragilità sociali», evidenzia il direttore della Caritas diocesana, «questo tempo è stato anche un tempo di “prime volte” perché diverse sono le persone e le famiglie che si sono rivolte alla rete Caritas per la prima volta, così come, però, tanta è stata la gente, di ogni età, che ha messo a disposizione le proprie risorse, il proprio tempo e si è resa disponibile nelle attività di volontariato della rete Caritas, per la prima volta». È preziosa, infatti, la capillare rete Caritas, composta da 30 Caritas parrocchiali. «Occhi vigili e cuori aperti sul territorio, condizionati, senza dubbio, dalla pandemia, ma capaci di reinventare, anche in questo periodo difficile, interventi a sostegno delle famiglie e delle persone sole che soprattutto nei giorni di festa contattano il Centro di Ascolto o affiancare azioni già predisposte dai vari Comuni della provincia».

Di seguito il riepilogo dei dati

Centro d'ascolto diocesano Gesù Misericordioso - Pescara 1.070 persone si sono rivolte al Centro d’Ascolto Diocesano di Via Monti per diverse problematiche legate a povertà economica, lavoro (disoccupazione, sottoccupazione, lavoro nero ecc.), povertà abitativa 4.402 sono i bisogni rilevati (ogni persona è portatrice in media di 4,1 bisogni)
Cittadella dell'accoglienza "Giovanni Paolo II" – Pescara 49.309 pasti erogati dalla mensa (aperta tutti i giorni a pranzo e a cena) 85 persone ospitate in accoglienza notturna
Casa della Solidarietà “Madre Teresa di Calcutta” – Montesilvano 9.069 pasti erogati dalla mensa (aperta solo a pranzo dal lunedì al sabato)
Empori della solidarietà di Pescara e Montesilvano 738 famiglie accolte e sostenute

«Nel periodo in questione», sottolineano dalla Caritas, «si riscontra l’aumento di telefonate al Centro d’Ascolto diocesano di persone sole, soprattutto anziani, che chiamano essenzialmente per parlare, esser ascoltate e confortate. Oltre la consueta povertà economica, la problematica che si riscontra con incidenza nuova maggiore è dunque la povertà relazionale fatta di persone che vivono nella solitudine, con scarsi o inesistenti rapporti con una rete familiare o amicale». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sono 738 le famiglie povere sostenute dagli Empori della Solidarietà, Caritas lancia la campagna "Insieme a te"

IlPescara è in caricamento