menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'ex campo Rampigna sarà un parco archeologico, l'Archeoclub: "Primo passo per riscoprire la storia di Pescara"

L'associazione plaude la decisione definitiva del consiglio comunale di destinare quell'area alla realizzazione del parco archeologico

Soddisfazione da parte dell'archeoclub di Pescara per la decisione del consiglio comunale di approvare il documento che sancisce definitivamente la destinazione dell'area ex campo Rampigna come parco archeologico. L'associazione sottolinea come si sia conclusa positivamente una battaglia che andava avanti da anni, e che è solo il primo passo per avviare altre importanti azioni al fine di riscoprire, valorizzare e tutelare la storia della città.

Le risorse finanziarie necessarie per iniziare ora un vero lavoro scientifico, a prescindere dall'eventuale contributo ministeriale, non sono assolutamente elevate se si utilizza l'importante collaborazione dell'Università D'Annunzio e del volontariato culturale: basta sedersi intorno ad un tavolo ed iniziare una concreta programmazione.

L'associazione si augura che assieme al recupero del bastione San Vitale della piazzaforte cinquecentesca l'avvio degli interventi per il parco archeologico possano rientrare in una programmazione futura per il recupero anche di altri luoghi identitari come il parco archeologico del colle del Telegrafo, il restauro di Fonte Borea, 'effettuazione di scavi archeologici nei siti della città già noti e salvatisi dalle gravi distruzioni provocate da una passata edilizia selvaggia e di rapina, il recupero del mosaico romano sulla golena fluviale, il trasferimento della questura. L'Archeoclub auspica anche la realizzazione di un museo della città:


Sono progetti certamente ambiziosi ed impegnativi la cui realizzazione andrà diluita nel tempo, forse nei decenni, ma a contribuire ad essa vanno chiamate le forze migliori della nostra economia, delle fondazioni bancarie, del volontariato culturale, dell'università oltre alla Regione Abruzzo. L'opinione pubblica, una volta distratta ed assente sull'argomento, è diventata certamente ora favorevole e sensibile. Non sprechiamo questa occasione

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rustell: storia e origini degli arrosticini abruzzesi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento