rotate-mobile
Attualità

Finita l'emergenza riaprono i parchi, ma non la riserva Santa Filomena e la pineta dannunziana

Nelle due grande aree verdi proseguono le verifiche dopo i danni causati dalle forti raffiche di vento che hanno colpito sabato la città, ma tutte le altre aree verdi tornano fruibili: il sindaco ha firmato l'ordinanza

Riaprono i parchi comunali a Pescara eccetto la pineta dannunziana e la riserva Santa Filomena dove "sono ancora in corso le attività di verifica e mitigazione del rischio".

È quanto si legge nell'ordinanza firmata dal sindaco Carlo Masci con cui si revoca quanto deciso sabato mattina in vista dell'ondata di maltempo prevista e poi effettivamente abbattutasi sulla città. Restano fuori dal provvedimento le due grandi aree verdi visti i tanti danni causati dalle fortissime raffiche di vento che hanno invaso Pescara sabato pomeriggio: raffiche che hanno raggiunto i 120 chilometri orari. Tanti gli alberi danneggiati, spezzati e addirittura sdradicati. 

Una misura preventiva dunque per consentire la verifica e la messa in sicurezza dei luoghi, ma per tutti gli altri parchi i cancelli sono di nuovo aperti a famiglie, bambini e tutti coloro che amano frequentarli. Riapertura decisa, si specifica nell'ordinanza, a segutio della comunicazione del responsabile del servizio verde pubblico e parchi in merito "al ripristino delle condizioni di sicurezza". Tra i parchi riaperti anche il parco dell'ex caserma Di Cocco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finita l'emergenza riaprono i parchi, ma non la riserva Santa Filomena e la pineta dannunziana

IlPescara è in caricamento