rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Attualità

Detriti del dragaggio del 2013 ancora davanti al porto turistico, Masci: via la collina della "vergogna"

Il primo cittadino soddisfatto dell'andamento dei lavori per il nuovo porto, ma su quei fanghi denuncia la mancata rimozione nonostante i lavoratori appaltati e annuncia una nuova lettera al provveditorato e il ministero

Via la collina della “vergogna” dal porto. Il sindaco Carlo Masci, dopo il sopralluogo fatto oggi un sopralluogo per verificare i lavori per il nuovo porto, torna a chiedere la rimozione dei detriti dei fanghi del dragaggio che sono lì dal 2013.

Lo scrive sul suo profilo facebook sottolineando che quella collina che lui stesso definisce “della vergogna” è stata creata dal provveditorato alle opere pubbliche nel 2013 proprio davanti al porto turistico. “E' ancora lì – scrive Masci – e non c'è traccia dei lavori appaltati da quell'ente per la loro rimozione. Ho già scritto lettere su lettere al provveditorato, oggi stesso ne scriverò un'altra, questa indirizzata anche al ministro, per dire chiaramente che Pescara non può sopportare in eterno questo scandalo che va avanti da oramai nove anni”. Soddisfatto invece il primo cittadino di come stanno andando i lavori che, afferma, “proseguono velocemente”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Detriti del dragaggio del 2013 ancora davanti al porto turistico, Masci: via la collina della "vergogna"

IlPescara è in caricamento