rotate-mobile
Attualità

D'Amario avverte sui test sierologici per il Coronavirus: "Non sono affidabili, creano falsi negativi"

Il direttore generale dell'Area prevenzione sanitaria del Ministero della Salute, ex manager Asl Pescara, commenta la notizia riguardante i presunti test per Codiv19 sul sangue

I kit per i test sul Coronavirus sierologici non sono validati, nè a livello nazionale, nè a livello mondiale e di fatto non sono affidabili in quanto non offrono alcun tipo di certezza. Lo ha fatto sapere Claudio D'Amario, direttore generale dell'area prevenzione sanitaria del Ministero della Salute ex ex manager Asl di Pescara.

L'allarme era stato lanciato ieri dall'assessore regionale Verì sulla disponibilità sul mercato di questo genere di test, che secondo D'Amario forniscono casi di falsi negativi ancora più pericolosi delle strategie di contatto:

"Ci sono studi di confronto in Lombardia secondo i quali il 50 per cento dei pazienti positivi al tampone nasale sono risultati negativi al test sierologico. In sostanza si vuole capire, per il futuro, se i soggetti che hanno avuto il virus sono immunizzati o ancora suscettibile di nuovo contagio"

Sempre sul fronte dei test, in Abruzzo dalla giornata di ieri 26 marzo sono invece disponibili i tamponi rapidi con esito in 90 minuti, a differenza delle 5 ore minime necessarie per i tradizionali tamponi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

D'Amario avverte sui test sierologici per il Coronavirus: "Non sono affidabili, creano falsi negativi"

IlPescara è in caricamento