menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Crollo dell'hotel Rigopiano, il 5 marzo riprende il processo

Si ripartirà dall’esame del perito che ha depositato le intercettazioni sulle ipotesi di depistaggio successivo alla vicenda, filone che è poi stato unificato al procedimento madre. Domani il quarto anniversario della tragedia

Riprende il 5 marzo il processo a Pescara sulla tragedia di Rigopiano, che domani compirà quattro anni. Era, infatti, il 18 gennaio 2017 quando, a causa di una valanga che travolse il resort, morirono 29 persone.

L’ultimo tassello processuale è stata la decisione del tribunale per il riesame lo scorso 15 dicembre, che ha annullato l’ordinanza di sequestro conservativo degli emolumenti di 4 imputati sul presupposto che il gup Sarandrea non ha integralmente motivato in ordine al fumus boni iuris delle accuse formulate dalla procura di Pescara.

L’istanza potrebbe però essere ripresentata. Il 5 marzo il processo ripartirà dall’esame del perito che ha depositato le intercettazioni sulle ipotesi di depistaggio successivo alla vicenda, filone che è poi stato unificato al procedimento madre.

Tuttavia secondo molti avvocati non va escluso che già in quella data, dopo la quale comincerà la vera e propria discussione dibattimentale, più imputati possano chiedere il rito abbreviato. La previsione deriverebbe dalla posizione in parte ‘minore’ di alcuni imputati, soprattutto per quelle figure che hanno incarichi dirigenziali di profilo medio-basso, chiamate in causa per questioni di tipo ‘normativo’ o burocratico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento