rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Attualità

Covid: terapie intensive al 13% in Abruzzo, oltre la soglia altre 12 regioni e province autonome

I dati dell'agenzia Agenas mostrano un aumento anche nella nostra regione della pressione nei reparti di rianimazione dovuto al Coronavirus

L'Abruzzo e altre 12 regioni e province autonome hanno superato la prima soglia di allerta per le terapie intensive occupate dal Covid. Lo ha confermato l'agenzia nazionale per i servizi sanitari Agenas che ha diffuso i dati riguardanti gli ultimi giorni. Aumenti che, in particolare, si sono concentrati dopo il 14% con la crescita dei nuovi positivi passando da una media nazionale del 10% del 14 dicembre, all'11% del 17 dicembre fino al 12% del 25 dicembre.

Al primo posto la Provincia di Trento con il 22% di occupazione, seguita da quella di Bolzano e dalla Liguria, entrambe al 19%. Il Friuli Venezia Giulia registra il 17%, seguito da Veneto e Calabria con il 16%, Marche (15%), Lazio e Piemonte (14%), Toscana (13%), Abruzzo, Lombardia ed Emilia Romagna al 12%. In bilico l'Umbria, che si posiziona proprio sulla soglia del 10%. Ricordiamo che assieme all'occupazione dei reparti ordinari e al numero di casi per 100 mila abitanti, la pressione sulle terapie intensive rappresenta uno dei parametri fondamentali per passare dalla zona bianca (dove si trova attualmente l'Abruzzo) in zona gialla.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid: terapie intensive al 13% in Abruzzo, oltre la soglia altre 12 regioni e province autonome

IlPescara è in caricamento