rotate-mobile
Venerdì, 19 Agosto 2022
Attualità

Definito l'accordo tra Comune e università per il corridoio verde alle spalle dell'ateneo [FOTO]

L'atto notarile tra il Comune e l'università d'Annunzio verrà firmato il prossimo 7 luglio

Si sblocca la realizzazione del “corridoio verde” nella zona di Pescara sud alle spalle della zona universitaria tra viale Pindaro e via Plauto.
Il 7 luglio infatti è prevista la firma dell’atto notarile tra Comune e università d’Annunzio.

Il “corridoio verde” di cui si parla da anni nella zona a sud di Pescara diventa dunque realtà come fanno sapere dall'amministrazione comunale.

La realizzazione dell’infrastruttura, ricordano dal Comune, necessaria a favorire lo snellimento della mobilità leggera ma anche ad allineare la direttrice parallela alla stessa viale Pindaro, tra via Plauto e la rotonda del tribunale,era stata stabilita nella convenzione firmata tra Comune e università il 21 giugno 2021. Ma ora l’iter del progetto si sblocca in base a quanto emerso dalla riunione della commissione congiunta Lavori Pubblici e Urbanistica, presieduta da Massimo Pastore e Andrea Salvati, alla quale era presente questa mattina il responsabile unico del procedimento Giancarlo Laurenza per conto dell’ateneo. A seguito delle delibera approvata un anno fa e dopo aver eseguito il necessario e finora mancante frazionamento delle particelle catastali interessate, questa mattina si è potuta comunicare la data dell’atto notarile che consentirà all’amministrazione di cedere le aree del corridoio verde all’università. Giovedì 7 luglio l’atto la firma in uno studio notarile, che sarà apposto dal rettore Sergio Caputi e dal dirigente del Patrimonio Federica Mansueti. Subito dopo la “d’Annunzio” potrà procedere alla gara per assegnare le opere. Il corridoio verde assume un valore strategico per la sostenibilità ambientale e la mobilità in quella parte di Pescara, ricadendo tra la parte retrostante il polo universitario di Viale Pindaro e via Plauto-rotonda del tribunale.

«Si tratta di un asse di circa 400 metri che, una volta completato», dice Pastore, «presenterà un’immagine totalmente migliorata rispetto all’attuale degrado, anche per la presenza di un’alberatura su entrambi i lati della strada. Sarà utilizzabile in prospettiva da mezzi pubblici, bici e da monopattini a trazione elettrica, visto anche il progetto di una diramazione della pista ciclabile esistente che si presta allo sviluppo della sharing mobility già in atto a Pescara». 
Il progetto presenta un quadro economico complessivo di 1 milione e 350 mila euro che sarà a carico dell’università, e prevede il riassetto e la ridefinizione degli spazi interni al sito universitario sul lato sud e sud-ovest: saranno realizzati camminatoi, vialetti, rampe per l’accesso delle persone svantaggiate, spazi verdi, una nuova recinzione esterna, illuminazione e, in particolare,  l’attraversamento centrale che collegherà di più e meglio gli attuali padiglioni con l’ala della segreteria unificata; l’università, oltre all’ampliamento delle proprie pertinenze, procederà quindi anche alla sistemazione del Corridoio verde (che presenterà un dislivello di circa due metri rispetto al piano del Campus) e di nuove aree esterne al sito universitario, a beneficio di tutti i cittadini e degli studenti.

«Il Comune si occuperà dell’alberatura del nuovo tracciato, in un quadrante del territorio dove sono stati completati o sono ancora in corso altri interventi significativi riguardo alla mobilità ciclabile e viaria», conclude il presidente della commissione Urbanistica Andrea Salvati.

Rendering progetto corridoio verde comune università

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Definito l'accordo tra Comune e università per il corridoio verde alle spalle dell'ateneo [FOTO]

IlPescara è in caricamento