Attualità

Coronavirus, il sindaco di Cugnoli: "Per far rispettare il decreto bastava chiudere i bar"

Lanfranco Chiola, tra il serio e il faceto: "All'inizio abbiamo faticato un po' ma, ora che tutto è chiuso, il paese è deserto. Abbiamo qualcuno in quarantena, ma non è quello: ora la gente ha capito che non si può scherzare"

Il sindaco di Cugnoli, Lanfranco Chiola

Sull'emergenza sanitaria legata al Coronavirus, il sindaco di Cugnoli non ha dubbi: "Per far rispettare il decreto bastava chiudere i bar". Ecco infatti cosa ha dichiarato, tra il serio e il faceto, il primo cittadino del paese, Lanfranco Chiola:

"Per far rispettare veramente il decreto bastava solo chiudere i bar: appena l'hanno fatto il paese si è svuotato. E devo dire che da allora i paesani si comportano con molta consapevolezza, tutti chiusi in casa. All'inizio abbiamo faticato un po' ma, ora che tutto è chiuso, il paese è deserto. Abbiamo qualcuno in quarantena, ma non è quello: ora la gente ha capito che non si può scherzare".

Tenuto conto dell’emergenza sanitaria in corso a causa del virus Covid-19, preso atto di quanto è stato recentemente pubblicato su diverse testate giornalistiche on line abruzzesi in riferimento a virgolettati del sindaco di Cugnoli che sono stati mal interpretati, il sindaco Lanfranco Chiola, in considerazione dell’importanza dell’argomento trattato, precisa quanto è stato erroneamente riportato affermando:

“In questo periodo di emergenza sanitaria è fondamentale che ognuno di noi faccia il proprio dovere di cittadino rispettando tutte le disposizioni e le misure igienico-sanitarie emanate dagli organi competenti – il senso civico e di responsabilità deve guidarci nell’affrontare questi giorni che stiamo vivendo con particolare attenzione per il bene di tutti. Per esperienza diretta sul territorio, nei piccoli comuni come quello di Cugnoli (n.d.r. comune collinare dell’entroterra pescarese con quasi 1.500 abitanti) la chiusura dei bar – tra le ultime misure di contenimento del contagio poste in essere dal governo con il DPCM 11 marzo 2020, è stata una misura determinante che ha ridotto quasi totalmente le possibilità di contatto sociale dei cittadini.? Ringrazio tutti i cittadini di Cugnoli, che giorno dopo giorno, hanno acquisito una sempre maggiore consapevolezza dell’emergenza che stiamo affrontando e stanno seguendo le indicazioni di restare – responsabilmente – a casa”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, il sindaco di Cugnoli: "Per far rispettare il decreto bastava chiudere i bar"

IlPescara è in caricamento