menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Convitto dell'Alberghiero De Cecco alla Stella Maris: la dirigente scolastica chiede chiarezza

La dirigente scolastica dell'Istituto Alberghiero di Pescara chiede chiarezza in merito alla destinazione dell'ex colonia di Montesilvano, e sul progetto già approvato e finanziato

Chiarezza sul futuro della Stella Maris, ma soprattutto chiarezza sul progetto del convitto dell'Istituto Alberghiero De Cecco, già approvato e finanziato, messo in discussione dal sindaco di Montesilvano Maragno che ha avanzato l'ipotesi di realizzare nell'ex colonia un dormitaorio per senzatetto.

A parlare è la dirigiente scolastica dell'Istituto De Cecco Alessandra Di Pietro, che chiede la convocazione di un tavolo di discussione per affrontare la questione con le parti in causa:

“Non nascondo lo sconcerto provato dinanzi alle parole del sindaco di Montesilvano Maragno parlando della destinazione attribuita ormai mesi e mesi fa alla Stella Maris, con una delibera e un progetto approvato, in parte finanziato e a lavori già partiti, tanto che è stato anche effettuato il collaudo del primo lotto di opere. "

La dirigente scolastica ha evidenziato le problematiche logistiche affrontate dal De Cecco a causa della parziale inagibilità della sede di via Italica:

"Anche su questo avvertiamo la necessità di richiamare l’opportuna attenzione delle Istituzioni, ricordando che molti nostri studenti oggi sono delocalizzati nella sede dell’Istituto Professionale di Stato ‘Di Marzio – Michetti’, che ringraziamo per il sostegno e per la disponibilità. A questo punto è necessario sapere quale sia lo stato dei lavori del Convitto in via di realizzazione nella Stella Maris, convinta che non sia volontà di alcuno rimettere in discussione un progetto già deliberato e partito, e anche per capire i tempi inerenti la riqualificazione della sede di via Italica"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento