Coronavirus, tamponi rapidi nell'aeroporto d'Abruzzo per chi rientra da Paesi a rischio

Anche nello scalo aeroportuale pescarese verranno intensificati i controlli dopo l'ordinanza emessa dal ministro della Salute

Tamponi rapidi nell'aeroporto d'Abruzzo di Pescara per i passeggeri che rientrano dai Paesi a rischio per il Covid-19 (Coronavirus).
Anche nello scalo aeroportuale pescarese verranno intensificati i controlli dopo l'ordinanza emessa dal ministro della Salute.

A essere sottoposti ai controlli saranno i viaggiatori di ritorno da Malta e Girona (Barcellona) con i voli operati dalla compagnia irlandese Ryanair.

La stessa misura viene già applicata per coloro che rientrano dalla Romania come previsto dall'ordinanza del ministero della Salute lo scorso 24 luglio che prevede anche l’obbligo di sorveglianza sanitaria e isolamento fiduciario per tutti coloro che abbiano soggiornato o circolato in Romania e Bulgaria, nei 14 giorni antecedenti l’ingresso in Italia. 
Questo quanto fa sapere Enrico Paolini, presidente della Saga: «Dobbiamo assicurare ai passeggeri la massima sicurezza ponendo la salute dei cittadini come priorità assoluta. I tamponi effettuati all’arrivo in aeroporto ai passeggeri provenienti da Malta e Girona, saranno a cura della struttura di prevenzione Covid diretta da Albani, in collaborazione con Regione Abruzzo e Protezione Civile regionale, diretta da Silvio Liberatore, forze dell'ordine e polizia di Stato, diretta da Petitti. Con l’aumento del numero dei voli attivi nel nostro aeroporto, abbiamo adottato un protocollo ancora più rigido, che sia affianca alle misure già poste in essere sin dalla riapertura dello scalo. A cominciare dal rispetto di spazi e distanze, i controlli con i termo scanner, in grado di rilevare la temperatura corporea in tempo reale, la continua sanificazione di tutti gli ambienti dell’Aeroporto, mascherine obbligatorie e sanificazione delle mani, con i dispenser posizionati ovunque. Da inizio marzo a oggi non abbiamo registrato alcun caso positivo e questo ci rassicura, ma non dobbiamo abbassare la guardia».

In previsione del primo volo in arrivo domenica 16 agosto da Girona (Catalogna), infatti, la Saga, in accordo con il commissario covid ed il commissario di protezione civile, ha organizzato un controllo speciale per i passeggeri in arrivo, tale da consentire una più accurata conoscenza dei loro spostamenti in Abruzzo e della loro permanenza, nel rispetto delle norme vigenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, l'Abruzzo non uscirà dalla zona rossa il 4 dicembre: manca solo l'ufficialità

  • Cosa mangiare per rafforzare le difese immunitarie: 6 alimenti per fare il pieno di energia

  • Covid, dal 29 novembre cambiano i colori delle Regioni: l'Abruzzo resterà zona rossa almeno fino al 3 dicembre

  • L'Abruzzo resterebbe zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto, ma Marsilio punta ad anticipare

  • Carenza di vitamina D: 10 alimenti per integrarla e rafforzare il sistema immunitario

  • L'Abruzzo rimane zona rossa, tutte le regioni restano nell'attuale fascia di appartenenza

Torna su
IlPescara è in caricamento