menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'appello del comitato di quartiere di Rancitelli al sindaco e consiglio comunale: "Abbattere subito i palazzi Clerico"

Nuovo appello del comitato riguardante la zona dei ruderi vicina alla Tiburtina

Il comitato di quartiere “Per una nuova Rancitelli” ha scritto una lettera aperta a sindaco, giunta comunale e consiglio comunale per lanciare l'ennesimo grido d'allarme riguardante la situazione dell'area dei palazzi Clerico, i ruderi presenti ormai da decenni che sono luogo di degrado e microcriminalità nella zona della Tiburtina.
Rifugio di senzatetto e tossicodipendenti, quell'area di fatto peggiora una situazione già difficile sul fronte del degrado e della sicurezza pubblica per tutti i residenti della zona ricordando che nel gennaio 2020 fu approvata una mozione per avviare subito l'iter di demolizione e risolvere una volta per tutte questo problema:

Al riguardo vogliamo ricordare le dichiarazioni rilasciate allora alla stampa dal presidente della commissione Sicurezza, Armando Foschi, che aveva presentato la mozione: La competenza di tale problematica afferisce principalmente, se non unicamente, l'amministrazione comunale, pienamente titolata ad assumere tutte le iniziative, sia consensuali, sia urbanistico-edilizie, sia autoritative, per porre termine alla vergognosa condizione di una parte di citta

Nell'ultimo anno purtroppo nulla è avvenuto, nonostante altri annunci a mezzo stampa da parte dell'assessore Isabella Del Trecco e del sindaco Carlo Masci che, nel corso del 2020, hanno parlato di demolizione quasi certa, rispettivamente, prima entro novembre e poi entro gennaio.

Il comitato aggiunge di essere a conoscenza del fatto che si tratta di una trattativa fra privati, ma comunque si chiede al sindaco un'ordinanza per ripristinare decoro nella zona, di avvalersi della facoltà di far rimuovere i rifiuti e bonificare i terreni dove si trovano le costruzioni fatiscenti e abbandonate:

Chiediamo anche di conoscere nel dettaglio la situazione attuale: sia perché si tratta di una questione di estrema importanza per la sicurezza e il decoro del nostro quartiere, sia perché in passato abbiamo ricevute rassicurazioni sul coinvolgimento dei residenti nel processo di riqualificazione (in particolare in occasione di un incontro pubblico organizzato nel febbraio 2020 nella sala della parrocchia dei Santi Angeli Custodi).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento