rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
Attualità Bussi sul tirino

La Lav sui cinghiali entrati nella scuola di Bussi: "Conseguenza della intollerabile pressione venatoria a cui sono sottoposti"

La Lega antivivisezione commenta il grave episodio che si è verificato nella mattinata odierna (venerdì 21 ottobre) in una scuola dell'Infanzia di Bussi sul Tirino

«I cinghiali entrato nella scuola dell'Infanzia di Bussi sul Tirino sono conseguenza della intollerabile pressione venatoria a cui sono sottoposti».
Questo il parere espresso dalla Lav, la lega antivivisezione nel commentare quanto accaduto in un plesso scolastico nella mattinata di oggi, venerdì 21 ottobre.

Quattro cinghiali, due adulti e due cuccioli, sono entrati nella scuola dove c'erano bambini e insegnanti.

L’invasione è durata pochi istanti, giusto il tempo di creare grande scompiglio ma nessuna conseguenza per le persone, poi gli animali sono riusciti a guadagnare l’uscita dileguandosi nei boschi circostanti l’abitato. «Quanto accaduto», si legge in una nota della Lav, «è evidente conseguenza dell’enorme pressione venatoria a cui sono sottoposti gli animali. Da sempre nel mirino dei cacciatori, con l’ingresso della Psa (peste suina africana) nel nostro Paese i cinghiali subiscono quotidiani attacchi che ne destrutturano i branchi, scompaginandone l’organizzazione sociale e costringendoli alla fuga dalla persecuzione di doppiette e carabine. La stessa zona in cui è accaduto il fatto è considerata dalla Regione Abruzzo “territorio non idoneo alla presenza del cinghiale” con la conseguenza che in quell’area la specie può essere cacciata senza alcun vincolo numerico, che tradotto significa che gli animali possono essere uccisi tutti!».

Così concludono dalla Lav: «Quanto accaduto nella scuola di Bussi sul Tirino evidenzia una volta di più le gravissime responsabilità umane nell’alterazione dei comportamenti degli animali selvatici a causa della caccia sfrenata e senza limiti a cui sono sottoposti i cinghiali. Nonostante la persecuzione dei cacciatori che li ha costretti ad avvicinarsi alla scuola, vincendo la loro istintiva e innata diffidenza nei nostri confronti, se non ci sono state vittime tra studenti e insegnanti lo si deve quindi solo al buon senso dei cinghiali stessi che, pur in preda al panico, hanno chiaramente dimostrato di non essere interessati ad arrivare allo scontro con noi umani».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Lav sui cinghiali entrati nella scuola di Bussi: "Conseguenza della intollerabile pressione venatoria a cui sono sottoposti"

IlPescara è in caricamento