rotate-mobile
Attualità

Troppe difficoltà per ciechi e ipovedenti negli uffici postali e sui bus Tua: "Va attivata la voce guida"

Ad avanzare la richiesta con l'apertura di un tavolo di confronto anche con i sindacati, sono i presidenti delle associazioni dei consumatori Acu e Contribuenti Abruzzo confidando nella sensibilità di Poste Italiane della società pubblica di trasporto

Attivare la “voce guida” utile a ipovedenti e ciechi negli uffici postali e sugli autobus Tua. Ad avanzare la richiesta ai due enti sono Luigi Di Corcia, presidente dell'associazione dei consumatori Acu Abruzzo e Donato Fioriti alla guida di “Contribuenti Abruzzo”, associazioni entrambe componenti del Cruc (Consulta regionale utenti e consumatori).

Una “necessità”, spiegano, che è emersa dai dati registrati dai loro osservatori ormai da mesi e che necessitano di una risposta immediata per consentire a chi non vede o chi ha comunque problemi importanti alla vista, di accedere pienamente ai servizi sulla scia di quanto si fa ad esempio, aggiungono, nelle file dei cup delle Asl e nei supermercati.

“Contiamo sulla sensibilità di Poste Italiane e Tua - proseguono Di Corcia e Fioriti- per arrivare a programmare un percorso idoneo a istallare le 'voci guida' e chiediamo un tavolo di confronto ad hoc, con la necessaria presenza anche delle organizzazioni di tutela e assistenza di ipovedenti e ciechi.”

“Anticipiamo – conclude Di Corcia - che ci adopereremo per questo con specifiche e formali richieste nelle sedi competenti”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Troppe difficoltà per ciechi e ipovedenti negli uffici postali e sui bus Tua: "Va attivata la voce guida"

IlPescara è in caricamento