rotate-mobile
Giovedì, 22 Febbraio 2024
Attualità dei Bastioni

Niente più "Mercantico" in via dei Bastioni, l'organizzazione: "Inaccettabile la velata richiesta di esclusione di alcuni"

Si svolgeva dal 1997, ma l'amministrazione non ha rinnovato l'autorizzazione e le motivazioni non convincono gli ambulanti con Stefano Bernabei, legale rappresentante dell'associazione Faica che scrive a sindaco e assessore al commercio rispedendo al mittente le motivazioni che avrebbero portato alla decisione

Il “Mercantico” di via dei Bastioni che si è svolto dal 1997 a oggi tutte le prime domeniche del mese non ci sarà più. A farlo sapere è il legale rappresentante dell'associazione Faica Stefano Bernabei che al sindaco Carlo Masci e all'assessore comunale al Commercio Alfredo Cremonese ha inviato una lettera rispedendo al mittente le motivazioni che avrebbero portato al mancato rilascio dell'autorizzazione amministrativa “propedeutica e necessaria” al suo svolgimento spiega lui stesso sottolineando che quello è un mercatino storico.

Le motivazioni date il 5 gennaio nel corso dell'incontro avuto a Palazzo di Città vengono rispedite al mittente dato che, scrive ancora Bernabi, alla base della decisione che lascia senza uno spazio circa 60 famiglie, ci sarebbe “la velata richiesta ad escludendum di cittadini comunitari o extra comunitari regolarmente abilitati” alla vendita. Una richiesta non esplicita dunque, ma questa la condizione che avrebbe sostanzialmente avanzato l'amministrazione che l'associazione, prosegue la lettera, non ha ritenuto possibile né accogliere né praticare determinando così la fine del Mercantico.

Ci sarebbe un problema di decoro con alcuni prodotti messi in vendita soprattutto dagli stranieri, questo ciò che emergerebbe e che viene ritenuti non pensabile da chi da circa trent'anni organizza l'evento. Merce definita di “dubbia provenienza” che sarebbe messa in vendita da "soggetti non graditi ai più" scrive ancora, ma che tale non sarebbe con l'ipotesi “definitivamente smantellata – spiega – dalle osservazioni a noi gentilmente fornite dal comando dei carabinieri sul territorio cui l'associazione si è rivolta per ausilio, consiglio, protezione e collaborazione”.

Anche sulla sicurezza Bernabei fa alcune precisazioni per cui chi quel mercatino lo fa “lamenta e constata” spiega sempre nella missiva “la non presenza in loco della polizia locale”. Un circostanza che renderebbe complesso delegando in qualche modo proprio agli organizzatori, il compito di verificare i titoli abilitativi, ma questa non è una loro competenza. Ingente rimarca infine, il danno economico per le famiglie che ruotano attorno a quel Mercantico che, almeno per ora e di certo non fino a quando un altro incontro non ci sarà per trovare una eventuale soluzione, non si terrà più.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Niente più "Mercantico" in via dei Bastioni, l'organizzazione: "Inaccettabile la velata richiesta di esclusione di alcuni"

IlPescara è in caricamento