Domenica, 14 Luglio 2024
Attualità Spoltore

Per i genitori che affrontano il lutto più difficile a Spoltore ora c'è il supporto de "La stanza della falena bianca"

Il punto di ascolto psicologico ha aperto nel centro polifunzionale Villa Santa Maria, è aperto tutti i sabato pomeriggio e apre le porto a familiari di diversi comuni della provincia di Pescara e di Chieti e cioè, oltre a Spoltore, Pescara, Francavilla al Mare (Chieti), Città Sant'Angelo, Montesilvano, San Giovanni Teatino (Chieti) Crecchio, Scafa, Manoppello e Cappelle sul Tavo

Non solo associazione di promozione sociale, ma da oggi anche punto d'ascolto quello de “La stanza della falena bianca” di Spoltore. Una realtà nata a seguito della conclusione del percorso ventennale condotto a Pescara dalla dottoressa Luciana Orsatti con l'associazione “La stanza del figlio” rivolta a genitori che hanno perso uno dei loro e che adesso riparte con la sua attività nel entro polifunzionale “Villa Santa Maria”.

Lo sportello psicologico sarà aperto il sabato pomeriggio dalle 15.30 alle 18.30 e sarà un riferimento di molti comuni della provincia di Pescara e anche di quella di Chieti e cioè oltre Spoltore, anche Pescara, Francavilla al Mare (Chieti), Città Sant'Angelo, Montesilvano, San Giovanni Teatino (Chieti) Crecchio, Scafa, Manoppello, Cappelle sul Tavo.

Ricevi le notizie de IlPescara su Whatsapp

Il 4 luglio il taglio del nastro e l'inizio ufficiale della nuova attività con l'inaugurazione che ha visto la partecipazione di Orsatti che da tempo ha passato il testimone alla collega Martina Diodoro ma che è stata accolta con grande affetto dai genitori presenti, dal sindaco Chiara Trulli e dal presidente dell'associazione Claudio Di Nino.

Presenti anche diversi primi cittadini dei comuni coinvolti nei progetti con il sindaco Trulli che ha spiegato come gli assenti erano “purtroppo impegnati con i funerali di Gianni Filippone (l'assessore comunale di Pianella scomparso), ma sono vicini con il cuore”. Tra i presenti il sindaco di Scafa Giordano Di Fiore con il vicesindaco Gianni Chiacchia e il consigliere Gianni Iezzi con il primo cittadino che ha spiegato come proprio Spoltore sia stato sin da subito il comune individuato per ospitare lo sportello perché si cercava una realtà intermedia tra Città Sant'Angelo e Scafa e così è stato grazie alla disponibilità del sindaco Trulli. “Questa non è una semplice associazione, dal dolore e dalle tragedie può nascere qualcosa di positivo”, ha sottolineato.

L'attività dello sportello consiste nell'avviare un gruppo di auto-mutuo-aiuto: l'obiettivo è fornire un supporto finalizzato al benessere psichico, socio-relazionale e anche fisico, di sostegno nel lungo percorso di elaborazione del lutto. “C'è qui – ha concluso Trulli - un desiderio di volersi bene. Davanti a un grande dolore arriva anche questo: il dolore tocca le profondità dell'animo, ma dal fondo si può risalire”.

Per informazioni relative al servizio di ascolto si può contattare anche il numero telefonico 331 377 6254.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Per i genitori che affrontano il lutto più difficile a Spoltore ora c'è il supporto de "La stanza della falena bianca"
IlPescara è in caricamento