Attualità Città sant'angelo

Carenza idrica, a Città Sant'Angelo disagi e proteste: acqua distribuita in palestra

Il sindaco Matteo Perazzetti ha anche attivato il Coc, il centro operativo comunale, per la gestione dell'emergenza idrica

È un'estate davvero complicata quella che stanno vivendo i residenti di Città Sant'Angelo a causa della carenza idrica che porta ad avere poca acqua dai rubinetti.
Spesso le interruzioni idriche sono prolungate per ore e i rubinetti restano completamente a secco. 

L'altro ieri, sabato 14 agosto, il sindaco Matteo Perazzetti ha deciso di aprire il Coc e avviato la distribuzione dell'acqua dalla palestra della scuola "Fernando Fabbiani" a Marina di Città Sant'Angelo. 

Lo stesso primo cittadino ricostruisce gli utlimi giorni nei quali l'emergenza idrica si è acuita: «Venerdì 13 pomeriggio: arriva la comunicazione del Ruzzo ad Aca che verranno tolti 40l/s di fornitura di acqua dei complessivi 120l/s per problematiche al potabilizzatore, questo significa che Silvi, Pineto sud, Città Sant’Angelo e parte di Montesilvano (via Vestina) entrano in riduzione di fornitura. Sabato 14 mattina: dalle 8 di mattina in stretto contatto con i vertici di Aca per capire l’evoluzione della situazione, dopo diverse telefonate arriva a metà mattina la comunicazione del Ruzzo che vi sarà un ulteriore riduzione di 25 l/s per carenza nei serbatoi. Una doccia fredda che porta 55 l/s la fornitura a fronte dei 120 L/s nei periodi normali. Ore 12 ho deciso di attivare il Coc istituendo la palestra Fabbiani e il palazzetto (eventualmente) come punto di rifornimento. Tutte le forze di protezione civile Modavi Città Sant' Angelo, Pa, Croce Angolana, Alpini e Comando di polizia municipale si sono attivate e le ringrazio infinitamente per la loro disponibilità».

Poi Perazzetti prosegue nel racconto di 2 giorni davvero convulsi: «Ore 12:59 Aca comunica le nuove turnazioni a fronte delle riduzioni, ore 15 si apre il punto di rifornimento nella palestra Fabbiani, ore 16:30 Aca comunica l’interruzione di 4 l/s verso la zona di Pineto Sud per rinforzare Silvi e Città Sant’Angelo, a questo punto Pineto chiede ad Aca di rimettere la fornitura perché necessaria per eventuali motivi di sicurezza, ore 16:45 arriva la Pec di Aca che comunica tutto questo riportando ulteriori disservizi alle nostre comunità; a seguito di questo contatto i vertici Aca e tutti gli Enti preposti per chiedere spiegazioni con forti rimostranze e minacce di querela a chiunque stesse commettendo un reato nell’utilizzo dell’acqua potabile, ore 18:19 arriva la notizia che il Ruzzo ridarebbe ad Aca 20 l/s da utilizzare per la sicurezza. ore 20 chiusura del punto rifornimento a cui si sono rivolti solo 13 cittadini. 
Domenica 15 ore 7:30 inizia il tam tam dei messaggi sul non ritorno nel tempo prestabilito (ore 7:00) di apertura, chiamo Aca per avere lumi e mi dicono che tutte le tubature sono aperte, ma ci vuole il tempo necessario per farle andare in pressione e raggiungere tutte le parti. Ore 10 inizia a tornare l’acqua in alcune zone, ma non in tutte, il tam tam dei cittadini esasperati (giustamente) si fa sempre più incessante, chiamo immediatamente Aca che mi dice di avere pazienza, che vi possono essere problematiche di diverso tipo e che tutto si stabilizzerà. Ore 11:30 arriva al Coc la richiesta di una famiglia che non ha possibilità di rifornirsi autonomamente, si attivano immediatamente i ragazzi della protezione civile Modavi per portare immediato soccorso e rifornire la famiglia in difficoltà. Ore 14:00 ci si riorganizza per fare i turni (in una giornata di festa) per aprire il centro di rifornimento. Ore 17 il centro viene riaperto. Ore 17:30 comunichiamo ad Aca le vie che ci sono state segnalate e che non hanno mai ricevuto l’acqua durante le riaperture, proprio per chiedere che domani si facciano i dovuti controlli. Ore 20 chiusura del punto rifornimento con passaggio di 11 utenti per fornitura».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carenza idrica, a Città Sant'Angelo disagi e proteste: acqua distribuita in palestra

IlPescara è in caricamento