Mercoledì, 17 Luglio 2024
Attualità

Cancellati i parcheggi di piazza della Repubblica per far spazio al capolinea del filobus: monta la polemica [FOTO]

Sempre di più le critiche che si sollevano sulla riduzione continua dei parcheggi in centro: dopo i cantieri "a sorpresa" nella zona sud della città hanno lamentato Confesercenti e Confcommercio, spariscono anche parte dei posti auto presenti nella zona antistante del terminal bus per il proseguo dei lavori dell'infrastruttura pubblica e di alternative per ora non se ne vedono

Cancellata buona parte dei parcheggi di piazza della Repubblica per far spazio al capolinea del filobus.  

Se i lavori per la definizione del percorso dei mezzi elettrici va avanti, la cancellazione di ulteriori parcheggi in pieno centro, non fa che alimentarla la polemica per la difficoltà “oggettiva”, hanno sottolineato per prime le associazioni di categoria del commercio, che si ha a parcheggiare in centro.

Che quel parcheggio fosse stato chiuso lo aveva anticipato martedì a IlPescara la vicepresidente della Confcommercio Vincenzina De Sanctis rimarcando, così come la presidente di Confesercenti Marina Dolci, l'apparizione “a sorpresa” dei cantieri nell'area di risulta e contestando non tanto il fatto che si facciano lavori, ma il fatto che non si diano mai comunicazioni per tempo e ancor di più che nessuna alternativa è stata prevista quando gli interventi di bonifica sono iniziati prima nella zona nord e ora nella zona sud dell'area antistante la stazione ferroviaria.

Eppure almeno di una soluzione in campagna elettorale si era parlato: utilizzare il sottopasso un tempo destinato al mercatino etnico facendo richiesta a Rfi. Cosa che sarebbe stata fatta, ma i cui tempi tecnici per soddisfarla non sarebbero poi così brevi. 

Realizzazione del capolinea del filobus: le foto del Comitato strada parco bene comune

Di Pillo (Pettinari Sindaco): "Situazione parcheggio al collasso con chiusure fatte senza dire niente a nessuno"

Se a riprova che con l'avvio dei cantieri anche nella zona sud dell'area di risulta alle 10.30 di mercoledì, come riferisce ancora una volta la Dolci con tanto di fotografia, la zona di sosta era già al completo, a sparire è stato dunque anche il parcheggio di piazza della Repubblica e a porsi la domanda “Parcheggio dove sei” è ora anche il consigliere comunale Massimiliano Di Pillo (Pettinari Sindaco) parlando di una situazione “ormai praticamente al collasso”. Quei posti “sono stati requisiti da Tua” e la situazione generale in cui versa il centro in piena estate e in pieno periodo di saldi, “sconvolge la condizione di assoluta difficoltà dei commercianti”.

L'occasione per ricordare anche lui, come fatto anche dalle associazioni di categoria, che il cantiere in corso Umberto non è affatto completato, ce nell'area di risulta i parcheggi sono sempre meno e che a essere stato chiuso è da tempo anche il parcheggio del dopolavoro ferroviario. “Tutto – chiosa senza concertare nulla con le associazioni dei commercianti, e senza avvisare la popolazione, benché meno i pochi turisti che sono tornati finalmente nella nostra città”.

“Saranno anni difficili e complicati per i pescaresi e per tutti coloro che si aspettano da questa amministrazione, rivotata con entusiasmo dagli elettori, che oggi scoprono una condizione forse peggiore – conclude - di quella precedente alle elezioni dell’8 e 9 giugno”.

Il Comitato strada parco bene comune: "Segnaletica realizzata su un fondo stradale malmesso"

A entrare nella polemica è anche il Comitato strada parco bene comune da sempre oppositore del progetto “filovia”. Da una parte il sarcasmo per il nuovo capolinea di piazza della Repubblica che, almeno fino a quando non sarà realizzata la nuova centralina di ricarica oltre che definito il percorso degli altri lotti del progetto e soprattutto terminati i collaudi per la messa a terra de “La Verde”, vedrà il mezzo tornare indietro proprio da quel capolinea con buona pace del “malcapitato studente di Montesilvano” che “dovrà scendere dal tram su gomma e salire su un altro mezzo se vorrà davvero raggiungere l'università di viale Pindaro”; dall'altra la polemica sulla realizzazione pratica della segnaletica in piazza della Repubblica.

Una segnaletica orizzontale, rileva con tanto di fotografia, realizzata “su un fondo stradale malmesso. Bel modo di consegnare alla città un’opera pubblica da sottoporre a collaudo. I passeggeri aspetteranno il filobus al riparo dei pini e i disabili saranno caricati a bordo con l’aiuto manuale dell’autista che dovrà abbandonare il posto di guida. Come si conviene d’altronde – conclude con ancor più sarcasmo - nei sistemi Trm confortevoli di stampo europeo a terzo millennio ben avviato”.

Segnaletica o non segnaletica, capolinea o non capolinea il problema principale per chi in città lavora e per chi deve raggiungerla in auto, è che i parcheggi si riducono sempre di più e che i negozi, hanno più volte denunciato i commercianti, restano vuoti perché alternative, fossero anche dei bus navetta con parcheggi di scambio, non ne sono state previste. Ad aggravare la situazione, avevano quindi sottolineato De Sanctis e Dolci, anche il non avere un punto di riferimento nell'amministrazione, al di là del sindaco, e cioè gli assessori di competenza perché ad oggi la giunta ancora non c'è e con essa neanche l'assegnazione delle deleghe. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cancellati i parcheggi di piazza della Repubblica per far spazio al capolinea del filobus: monta la polemica [FOTO]
IlPescara è in caricamento