menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Un appello al Comune di Pescara: "La tribuna del nuovo Rampigna intitolata a Bruno Pace"

Il suggerimento viene proposto dal giornalista William Carosella, amico di vecchia data del compianto sportivo pescarese. Ma Lussoso incalza: "Non dimentichiamoci di Tontodonati"

Non ancora viene posata la prima pietra e già si fanno i primi nomi in merito all'intitolazione del nuovo impianto sportivo che verrà completamente ristrutturato entro l'anno.
Il Rampigna si prepara a nuova vita e i nostalgici vorrebbero che conservasse almeno in parte quell'identità storica che ha caratterizzato il vecchio campo di calcio pescarese.

L'idea di trasformare l'area in un polo attrattivo che comprenda, oltre al terreno di gioco, anche un museo dedicato alla gloriosa "Strapaesana" resta sempre in piedi.

Senza andare troppo indietro con il passato, dal giornalista William Carosella arriva una proposta che riguarda una bandiera biancazzurra scomparsa qualche anno fa. "Ritengo sia doveroso omaggiare il ricordo di Bruno Pace, magari intitolando la tribuna a suo nome, se non addirittura tutto lo stadio. Lui che è stato calciatore e allenatore, nato e cresciuto nella vicina piazza Garibaldi, rappresenta al meglio quella generazione del dopoguerra che ha vestito con orgoglio la casacca con i nostri colori. Mi appello al buon senso degli amministratori affinché questo mio desiderio venga preso in considerazione".

Ma un suo collega, invece, suggerisce un altro nominativo: "Quando si parla del Rampigna", afferma Gianni Lussoso, la mente riporta ai gol di Mario Tontodonati, detto testolina d'oro, per le sue capacità realizzative nel gioco aereo. Ancora oggi risulta essere il marcatore più prolifico del Pescara con 120 reti all'attivo. Andrebbe ricordato con qualcosa che resti nella memoria per sempre. Questa è senza dubbio una grande occasione".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento