Attualità

Intitolato ad Alessandro D’Alberto il campo-lanci dello stadio Adriatico [FOTO]

Con una targa viene ricordata la figura esemplare di uomo e di sportivo di Alessandro D’Alberto

È stato intitolato ad Alessandro D’Alberto il campo-lanci dello stadio Adriatico-Cornacchia di Pescara.
Una targa ricorda la figura esemplare di uomo e di sportivo di D’Alberto.

La targa è stata inaugurata con una cerimonia organizzata dall’amministrazione comunale.

D’Alberto, pescarese, è stata una delle tremila vittime del Covid in Abruzzo; è scomparso, vittima delle malattia, lo scorso 21 gennaio all’età di 64 anni, dopo un inutile tentativo di salvarlo nel reparto della terapia intensiva del Covid-hospital. Alla cerimonia, che si è svolta in coincidenza con il giorno del compleanno di Alessandro,  hanno preso parte, oltre al sindaco Carlo Masci e all’assessore comunale allo Sport, Patrizia Martelli, il presidente della commissione Sport Adamo Scurti, che ha sostenuto con forza l’iniziativa, e il presidente regionale del Coni, Enzo Imbastaro, che fu allenatore dell’atleta scomparso. Nella circostanza è stato posto a dimora, per mano dello stesso sindaco Carlo Masci, un arbusto di pungitopo dal significativo valore simbolico.

Con l’Us Aterno Pescara D’Alberto ha gareggiato per oltre trenta anni, sin dalle categorie giovanili; è ancora suo il record regionale Juniores del lancio del martello con la misura di 57,14 metri, che resiste dal lontano 1977. È stato anche il primo atleta della categoria Allievi (under 18) a superare la soglia dei 50 metri, con 53,38 metri nel 1975. 

Campo lanci stadio adriatico intitolato Alessandro D'Alberto

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Intitolato ad Alessandro D’Alberto il campo-lanci dello stadio Adriatico [FOTO]
IlPescara è in caricamento