Martedì, 19 Ottobre 2021
Attualità

Il Tar dice ancora no, niente caccia in Abruzzo fino al 25 settembre

La Regione aveva chiesto la modifica del decreto cautelare che ha fermato l’attività venatoria ma il Tar deice ancora no

La caccia in Abruzzo non sarà possibile almeno fino al prossimo 25 settembre.
La Regione aveva chiesto la modifica del decreto cautelare che ha fermato l’attività venatoria ma il Tar deice ancora no.

Per il Wwf "non ha senso che assessore e uffici insistano caparbiamente su decisioni sbagliate".

Secondo il Wwf il calendario venatorio è fatto male e per questo motivo il Tar ha di fatto bloccato le doppiette fino al 25 settembre quando verrà discusso nel merito il ricorso presentato a nome di Wwf e Lndc dagli avvocati Michele Pezone e Herbert Simone.

Questo quanto fanno sapere dal Wwf:

"Dopo la bocciatura, e mentre tentava per ora invano di aggirare il decreto cautelare di sospensiva proponendo un secondo calendario venatorio, la Regione ha infatti presentato anche una istanza di modifica dell’ordinanza che ha fermato la caccia. Ebbene questa mattina il Tar ha dichiarato inammissibile questa istanza, accogliendo tra l’altro la tesi degli avvocati Pezone e Simone che hanno sottolineato come non ci siano circostanze nuove rispetto a quelle già prese in esame che possano in qualche modo giustificare un riesame del decreto. Niente doppiette dunque, sicuramente almeno ancora per qualche giorno. La fauna e i tanti cittadini contrari alla caccia o che comunque temono gli spari in territori fortemente antropizzati come i nostri, ringraziano. Ai cacciatori chiariamo che i responsabili dello stop non sono certo le associazioni che fanno ricorso chiedendo che il calendario rispetti quanto previsto dalla normativa sul cosiddetto prelievo venatorio, ma proprio quegli uffici che da molti anni insistono nel proporre calendari mal fatti che inevitabilmente vengono bocciati. Meglio sarebbe, come il Wwwf chiede da sempre, confrontarsi prima cercando di contemperare l’esigenza di tutela della fauna, che la stessa legge sulla caccia considera prioritaria, con un calendario che non può essere misurato solo sulle esigenze di chi ama “divertirsi”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Tar dice ancora no, niente caccia in Abruzzo fino al 25 settembre

IlPescara è in caricamento