rotate-mobile
Lunedì, 27 Giugno 2022
Attualità Centro / Via Enzo Ferrari

Uno striscione del Blocco Studentesco davanti all'istituto Acerbo per protestare contro la mancanza di docenti

La protesta riguarda la mancanza di oltre 20 mila supplenti nelle scuole italiane

Delle gigantografie in stile "Chi l'ha visto?" davanti a centinaia di scuole, per protestare contro la mancanza di oltre 20 mila supplenti negli istituti scolastici. Anche a Pescara il Blocco Studentesco ha affisso uno striscione davanti all'istituto tecnico Acerbo, come spiega Matteo Casasanta, responsabile locale del movimento studentesco aggiungendo che l'attività è stata coordinata nella notte in tutta Italia:

Abbiamo scelto l' I­sti­tu­to Tec­ni­co Sta­ta­le Tito Acer­bo di Pescara come sfondo della nostra azione perché la mala gestione del Ministro è riuscita a mettere in ginocchio anche gli istituti più organizzati che ora, con dozzine di cattedre non assegnate, vedono intere classi sprovviste di docenti. Questa la scuola del Ministro Azzolina, dove tutto è stato aperto ma nulla funziona. Buchi di organico e mancanze strutturali sono ormai la quotidianità in un sistema scolastico già pesantemente penalizzato da anni di tagli e riforme inadeguate, ma per il Ministro Azzolina va tutto bene

Secondo il Blocco Studentesco, è inammissibile che a pagare come sempre siano i ragazzi per le scelte sbagliate di altri.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uno striscione del Blocco Studentesco davanti all'istituto Acerbo per protestare contro la mancanza di docenti

IlPescara è in caricamento