Attualità Scafa

Scuolabus non a norma, bimba di Scafa resta a terra: la protesta di Carrozzine Determinate e M5S

Questa la denuncia lanciata nella tarda serata di ieri, mercoledì 23 ottobre, dall'associazione Carrozzine Determinate

Una bimba disabile di Scafa non può andare a scuola perché lo scuolabus non è attrezzato per poterla accompagnare.
Questa la denuncia lanciata nella tarda serata di ieri, mercoledì 23 ottobre, dall'associazione Carrozzine Determinate.

A raccogliere la denuncia è stato questa mattina il vice presidente del consiglio regionale, Domenico Pettinari del Movimento 5 Stelle.

«Unisco la mia voce a quella di Claudio Ferrante e interesserò personalmente l'assessorato alle Politiche Sociali della Regione Abruzzo», afferma il consigliere pentastellato.

Questo quanto dice Pettinari:

«Saremo vicini all’associazione Carrozzine Determinate e a Claudio Ferrante in questa richiesta di giustizia per la piccola alunna di Scafa, che non può andare a scuola con i suoi compagni prendendo lo scuolabus poiché non accessibile per lei. Interesserò personalmente l’assessore Fioretti con delega alle Politiche Sociali. Nel 2019 è impensabile sentire ancora queste storie di non accessibilità, soprattutto quando si tratta di bambini. Per questo voglio anche ringraziare Ferrante e la sua associazione che da anni lotta contro ogni discriminazione con il fine di rendere i servizi davvero fruibili a tutti. Una lotta che deve trovare la sponda delle istituzioni che sono preposte a colmare queste carenze. E nel farlo deve tutelare la persona e l’integrazione e non sottolineare le differenze con proposte che sembrano ancor più discriminatorie. Unendo la mia voce alla sua spero che Regione Abruzzo e il Comune di Scafa trovino la giusta intesa per fornire alla scuola un mezzo adeguato al trasporto di tutti gli alunni». 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuolabus non a norma, bimba di Scafa resta a terra: la protesta di Carrozzine Determinate e M5S

IlPescara è in caricamento