Attualità

Nuovo bando a Pescara per gli alloggi popolari, requisiti e scadenza

Per i cittadini che vorranno fare richiesta ci saranno 60 giorni di tempo per presentare la domanda

Pubblicato dal Comune di Pescara un nuovo bando per l'assegnazione degli alloggi popolari.
Per i cittadini che vorranno fare richiesta ci saranno 60 giorni di tempo per presentare la domanda.

I moduli saranno disponibili nell’Ufficio relazioni con il pubblico, nell’Ufficio Politica della Casa, agli ingressi del Comune e online sul sito istituzionale del Comune di Pescara.

Quando saranno chiusi i termini, come fa sapere l'assessore alla Politica della Casa, Isabella Del Trecco, gli uffici comunali stileranno la nuova graduatoria degli aventi diritto che andrà a cancellare quella oggi vigente, sia per le assegnazioni definitive che provvisorie. Una corsia preferenziale sarà riservata alle famiglie che all’interno del proprio nucleo vedono la presenza di un disabile. Mentre, come prevede la nuova legge regionale, non saranno ammessi in graduatoria coloro che hanno un casellario giudiziario non in regola negli ultimi dieci anni o coloro che negli ultimi cinque anni hanno riportato denunce penali per occupazioni abusive. 

Gli alloggi di edilizia residenziale pubblica presenti nella nostra città sono in totale più di 5mila, 4.500 gestiti dall'Ater e 800 di proprietà comunale e l'ultimo bando risale al 2015. Il nuovo bando è stato pubblicato oggi, venerdì 20 dicembre, e ci sono 60 giorni di tempo per la presentazione della domanda. 

Questo quanto spiega la Del Trecco:

«Subito dopo gli uffici cominceranno l’esame delle istanze con la verifica dei requisiti dichiarati per stilare la graduatoria. Ma vediamo cosa cambia rispetto al passato: innanzitutto quello da oggi in pubblicazione è un bando aperto, ovvero quando entrerà in vigore cancellerà tutti quelli precedenti, sia la graduatoria definitiva che provvisoria, solitamente destinata, quest’ultima, alle assegnazioni d’emergenza della durata di un anno più un secondo anno al massimo. Il bando aperto, dal 2020, ci consentirà di essere aggiornato ogni due anni, includendo chi magari oggi non parteciperà alla domanda, ma permettendo anche a chi è già in graduatoria di comunicare eventuali variazioni della propria condizione. Parallelamente stiamo lavorando alla redazione di un Regolamento, che poi andrà in Consiglio comunale, per individuare i requisiti necessari per procedere con l’assegnazione delle case in via temporanea, in modo da consentire ai cittadini di affrontare l’eventuale emergenza, come uno sfratto da un alloggio privato non previsto, di rimettersi in sesto e poi riprendere il proprio cammino di vita. La percentuale di assegnazioni provvisorie che potremo fare è del 30 per cento del patrimonio disponibile e nel Regolamento prevedremo che una parte del 30 per cento delle assegnazioni provvisorie possano essere eseguite con atti dirigenziali, previa verifica dei requisiti e dei documenti presentati, e una parte con ordinanze sindacali per aiutare chi magari ha bambini in casa, anziani, disabili e ha una necessità immediata e improvvisa».

I requisiti per poter accedere al bando, come previsto nella legge regionale del 2018 e le ultime modifiche apportate dal Consiglio regionale il 7 novembre 2019 sono il reddito Isee che non può superare i 15.853,63 euro l’anno. Poi, non entreranno in graduatoria coloro che, personalmente o un congiunto presente nel nucleo familiare, hanno un casellario giudiziario non in regola negli ultimi dieci anni, al pari di chi ha occupato negli ultimi 5 anni un alloggio popolare, commettendo un reato con relativa denuncia penale. E nel nuovo bando è stata data massima rilevanza alla presenza di invalidi i cui nuclei familiari entreranno sia nella graduatoria generale sia in una graduatoria speciale con lo stesso punteggio assegnato in quella generale e sempre per i diversamente abili a breve saranno disponibili i nuovi alloggi che stiamo realizzando al piano terra degli edifici in via Caduti per Servizio.

Per tutti i dettagli basta collegarsi a QUESTO LINK.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo bando a Pescara per gli alloggi popolari, requisiti e scadenza

IlPescara è in caricamento