Domenica, 14 Luglio 2024
Attualità

Concessione A24-A25 i giudici: i presupposti per la revoca a Strada dei Parchi non compatibili con quelli del ponte Morandi

Questioni di legittimità costituzionale alla base della scelta del Tar del Lazio di sospendere la decisione e rivolgersi alla corte per esprimersi sulla questione

La risoluzione della convenzione con Strada dei parchi per la gestione dell'autostrada A24-A25 è stata decisa in ragione delle norme costituzionali che regolano la decretazione d'urgenza, del principio di ragionevolezza e buon andamento dell'azione amministrativa e di quelle che assicurano la tutela giurisdizionale, ma proprio sulla legittimità costituzionale il Tar del Lazio ha sollevato la questione sospendendo il suo giudizio e inviando tutto alla corte costituzionale perché dia il suo parere al riguardo.

Questa dunque la ragione alla base della decisione presa come spiega l'agenzia Ansa. In particolare nel provvedimento i giudici amministrativi dubitano della legittimità del ricorso allo strumento del decreto-legge, non ravvisando le ragioni di straordinaria necessità e urgenza che giustificano l'attivazione di tale istituto che consente al governo di adottare sotto la propria responsabilità atti provvisori con forza di legge.

Per i magistrati quelli prospettati in questa occasione sono “presupposti in alcun modo –  è detto nella sentenza secondo quanto riferito dall'agenzia - comparabili, rispetto a quelli che, relativamente alla situazione venutasi a determinare relativamente alla città di Genova, a seguito del crollo del ponte Morandi", erano stati "credibilmente evidenziati nel decreto legge n. 109/2018”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Concessione A24-A25 i giudici: i presupposti per la revoca a Strada dei Parchi non compatibili con quelli del ponte Morandi
IlPescara è in caricamento