rotate-mobile
Martedì, 29 Novembre 2022
Attualità

Anestetisti preoccupati per la situazione delle terapie intensive in Abruzzo, Petrini (Cts): "La pressione non diminuisce"

Flavia Petrini, presidente Siaarti e direttore dell'unità di anestesia rianimazione e terapie intensive dell'ospedale di Chieti esprime preoccupazione sul fronte dei ricoveri gravi

La pressione sulle terapie intensive in Italia non scende, ed anzi c'è preoccupazione per aclune regioni e territori come l'Abruzzo, Brescia e l'Umbria dove le soglie sono ampiamente state superate. A parlare è Flavia Petrini, presidente Siaarti (Società italiana di anestesia, rianimazione e terapia intensiva) e componente del Comitato tecnico scientifico (Cts) per l'emergenza coronavirus che all'Adnkronos ha spiegato come i ricoveri gravi non diminuiscono e dunque si teme che l'arrivo delle nuove varianti possa provocare un ulteriore sovraccarico che inevitabilmente potrebbe portare ad una minore capacità di contenere la curva dei decessi.

La Petrini, che è anche direttore dell'anestesia rianimazione e terapia intensiva dell'ospedale di Chieti, ha aggiunto:

"Noi siamo clinici e quindi è comprensibile che avvertiamo questo peso e trasecoliamo davanti a una opinione pubblica che, stanca dopo un anno di pandemia, trascende da quello che è il buon senso. È chiaro che confidiamo che vista la situazione si trovino misure di buon senso da parte del nuovo governo e di noi esperti, siamo tutti consapevoliche occorre vaccinare prima possibile tutti gli italiani"

Ricordiamo che attualmente in Abruzzo sono 78 le persone ricoverate in terapia intensiva negli ospedali della regione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anestetisti preoccupati per la situazione delle terapie intensive in Abruzzo, Petrini (Cts): "La pressione non diminuisce"

IlPescara è in caricamento