Attualità

Morto per meningite, il sindaco Florindi: "No a confusione e panico immotivato"

Il sindaco di Città Sant'Angelo interviene con una precisazione dopo il decesso di Andrea Montebello: "Situazioni come quelle di un fugace incontro al supermercato o in altri locali pubblici non sono da considerare a rischio di contagio"

Gabriele Florindi

Il sindaco di Città Sant'Angelo, Gabriele Florindi, interviene con un'importante precisazione dopo la morte di Andrea Montebello, 21enne angolano deceduto questa mattina per meningite:

"Per evitare situazioni di confusione e panico immotivato - dice Florindi - si precisa che per "contatti ravvicinati" si intende un tipo di contatto abbastanza confidenziale e prolungato da poter permettere uno scambio di fluidi. Pertanto situazioni come quelle di un fugace incontro al supermercato o in altri locali pubblici non sono da considerare a rischio di contagio".

Dunque, soltanto chi ha avuto contatto ravvicinato con Andrea deve recarsi dalla guardia medica del distretto sanitario di Città Sant’Angelo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morto per meningite, il sindaco Florindi: "No a confusione e panico immotivato"

IlPescara è in caricamento