rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Attualità

L'associazione "Anas Abruzzo" invia al confine fra Polonia e Ucraina aiuti umanitari per i profughi

La spedizione partita da Pescara l'8 aprile scorso è appena rientrata. I beni donati dagli abruzzesi sono stati consegnati ad una struttura turistica in Polonia, vicino al confine con l'Ucraina, diventata un centro d'accoglienza

È rientrata in questi giorni la spedizione umanitaria dell'associazione "Anas Abruzzo" che lo scorso 8 aprile è partita da Pescara per la Polonia, dove ha consegnato beni di prima necessità quali medicine e materiale sanitario vario , cibo, vestiario, giocattoli,messi a disposizione dal magazzino di raccolta regionale gestito da Elena e da altre donne ucraine residenti a Pescara da anni, per la popolazione in fuga dalla guerra.

La merce è stata destinata ad una struttura turistica divenuta centro di accoglienza, situata in Polonia a Jaroslaw, una cittadina vicino il confine con l'Ucraina che, con lo scoppio della guerra, è diventata un centro d'accoglienza per la popolazione in fuga dalla guerra. Alessia Camplone, presidente della sezione abruzzese Anas ha spiegato:

"La struttura è stata messa a disposizione gratuitamente dai proprietari per accogliere profughi ucraini e unitamente ad un'associazione di ragazzi polacchi ( Domw_sparcia_ua) capitanati da Weronika Breitenbach , si prendono cura dei loro ospiti provvedendo ad ogni bisogno in maniera davvero ammirevole. Attualmente ci sono circa 60 adulti e molti bambini di tutte le eta’. Abbiamo trascorso delle giornate intense con i volontari nel magazzino, dove stanno sistemando e stoccando tutto cio che hanno e poi con i proprietari ed ospiti della della struttura . Gli ospiti sono quasi tutti bambini e donne, pochi uomini e qualche cagnolino . Abbiamo trovato una 'grande sofferenza, ma anche una grandissima dignità. Un’esperienza davvero commovente e toccante. Tra un mese circa la nostra prossima spedizione."

La Campone ha ringraziato il gruppo Pescara dell'Anas e Cosimo Paraggio con il caseificio "La Fattoria" "La Zizzona di Battipaglia”,  il battaglione Sdi Centro di Roma, Fabio Segoni ed i “Punisher Pescara”, Patrizia ed Antonio Basile, Alessandro Diodoro “Inforensis”, Sandro di Francesco “MiaMed”, Andrea Arienti “Arienti Mobili”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'associazione "Anas Abruzzo" invia al confine fra Polonia e Ucraina aiuti umanitari per i profughi

IlPescara è in caricamento