rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Attualità Centro / Via Aurelio Saffi

Un auditorium con sale di registrazione: così rinascerà l’ex scuola media Muzii

I lavori partiranno nel 2023. L'opera potrà essere realizzata grazie a 10 milioni di euro del Miur (Ministero dell'istruzione e del merito) destinati al restyling del plesso

Da anni si parla della nuova destinazione d'uso per l'ex scuola media Muzii, ma ormai ci siamo. Proprio nei giorni in cui il conservatorio statale di musica "Luisa D'Annunzio" festeggia 100 anni, arriva infatti la conferma: la struttura di via Saffi verrà finalmente riqualificata per fare spazio a un auditorium con sale di registrazione, nuove aule didattiche e un'audioteca diventando un'appendice dello stesso conservatorio, che verrà così ampliato. I lavori partiranno nel 2023. L'opera potrà essere realizzata grazie a 10 milioni di euro del Miur (Ministero dell'istruzione e del merito) destinati al restyling del plesso. 

Il Comune (con la precedente giunta) aveva chiesto il finanziamento secondo quanto previsto dall’articolo 4 del decreto interministeriale Mef-Miur n. 57864 del 6 aprile 2018, con fondi a destinazione vincolata. Il recupero dell'ex scuola media di via Saffi, in base al progetto firmato da Tommaso Vespasiano, coadiuvato dagli ingegneri Libbio Antonelli e Marcello Conocchia, dall’architetto Manuela Romano e dal geometra Michele Aureli, fa perno su una rifunzionalizzazione degli spazi interni in conformità con le linee guida del ministero dell’istruzione in materia di edilizia scolastica con opere ìdi miglioramento sismico e adeguamento delle misure di sicurezza antincendio.

Ex scuola media Muzii: ecco in che condizioni si trova oggi

L'intervento prevede l'abbattimento completo dei due edifici (ex palestre) adiacenti e connessi al sistema principale, attualmente in stato di avanzato degrado e rischio strutturale, nonché la demolizione parziale dell'involucro degli edifici (ex aule) per realizzare un miglioramento sismico della struttura e la ridefinizione di un involucro altamente performante dal punto di vista energetico. Saranno realizzati due nuovi fabbricati, l'uno finalizzato alla configurazione di una biblioteca specializzata/audioteca, l'altro destinato a concretizzare un nuovo spazio aperto anche alla città.

Previste altresì la riconfigurazione dei seminterrati per la realizzazione di un sistema integrato di fruizione con la cittadinanza e la riorganizzazione degli spazi aperti all'interno dell'area oggetto di intervento mediante la realizzazione di percorsi, luoghi per la sosta etc. Tutti gli interventi sono finalizzati all'ampliamento del conservatorio "Luisa d'Annunzio" per un numero di studenti pari a 340 e per un numero di utenti dell'auditorium pari a 500.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un auditorium con sale di registrazione: così rinascerà l’ex scuola media Muzii

IlPescara è in caricamento