Sabato, 13 Luglio 2024
Attualità

Estate più sicura con le "ambulanze del mare" che tornano con una novità: a bordo c'è anche l'infermiere

Saranno in servizio lungo tutti i quasi 13 chilometri di costa della provincia di Pescara i due mezzi di soccorso grazie all'iniziativa promossa dal Sib (Sindacato italiano balneatori) provinciale con la Life odv e la collaborazione di Comune e Asl: dal primo luglio al 31 agosto avranno la loro postazione nello stabilimento Sette Pini (riviera nord) e in quello della polizia (riviera sud)

Le postazioni sono sulla riviera di Pescara, ma le “ambulanze del mare” opereranno su tutto il tratto di costa della provincia.

Più sicurezza dunque anche nell'estate 2024 con i due mezzi di soccorso della rete territoriale del 118 che saranno in servizio per tutta la stagione grazie all'iniziativa promossa dalla “Life Pescara odv” con il contributo del Sib provinciale (Sindacato italiano balneari). E c'è anche una novità: a bordo con un volontario c'è anche un infermiere.

Il sindaco Carlo Masci ringrazia per il servizio fornito al Comune rimarcando come in città ci sia “una forte coesione tra le istituzioni e le associazioni, che sono il cuore della città. Questo è un segnale bellissimo per i nostri cittadini: iniziative come questa contribuiscono ad accrescere il prestigio della nostra città anche sotto il punto di vista della sicurezza”.

Fondamentale il ruolo della Asl ovviamente con il direttore generale Vero Micitelli che sottolinea anche lui come la sinergia con l'ente, l'associazione e il sindacato nasca “per il bene della città”. I due mezzi aggiunge, “daranno un grande contributo alla sicurezza in due zone: l’area nord e l’area sud di Pescara. Il progetto, infatti, contempla l’istituzione di un’ambulanza attiva dal primo luglio al 31 agosto h12 con sede presso lo stabilimento balneare Sette Pini dell’esercito e l’altra attiva primo luglio al 31 agosto il venerdì, sabato e domenica presso lo stabilimento balneare della polizia”.

Ricevi le notizie de IlPescara su Whatsapp

A fargli da eco il direttore del dipartimento urgenza-emergenza Aurelio Soldano che ricorda come in estate aumenti il flusso turistico “e di conseguenza aumentano più del 30 per cento le richieste di soccorso. Da questa esigenza nasce questo progetto che vede impiegate più forze che convergono verso un unico obbiettivo: la sicurezza”. È lui ad annunciare la novità, e cioè la presenza di un infermiere a bordo “la cui professionalità – chiosa - permetterà di gestire qualsiasi emergenza e patologia tempo-dipendente, ma anche di affrontare necessità sanitarie minori, al fine di limitare il sovraffollamento in Pronto Soccorso. L’obbiettivo è che questo progetto sia da spunto per progetti futuri”.

Il presidente del Sib Pescara Riccardo Padovano parla quindi della “sensibilità e lungimiranza” degli imprenditori balneari associati alla cooperativa Balnearia servizi, delle istituzioni e della “Life Pescara”. Con il servizio, prosegue, “saremo in grado di integrare la rete territoriale del 118 con due ulteriori mezzi di soccorso, le ambulanze del mare, con equipaggi pronti a intervenire, sempre su attivazione del 118, in via prioritaria sulla fascia litoranea, ma in situazioni di particolare criticità anche sull’intero territorio provinciale”.

Un progetto dei cui costi si fa carico proprio il sindacato, precisa, e la cui operatività “consentirà di ottimizzare i tempi di risposta supportando il 118 e tutte le associazioni convenzionate che ringrazio, in un periodo particolare dell’anno, dove le richieste di intervento aumentano in maniera considerevole. Un ringraziamento doveroso va al colonnello Adolfo Felicissimo e alla polizia per l’ospitalità e la disponibilità nell’averci permesso di usufruire di uno spazio riservato al personale sanitario all’interno delle loro strutture. Credo fermamente nell’importanza di questo servizio di soccorso, già attivato nel 2022 con ottimi risultati – conclude -, che sicuramente sarà molto utile e apprezzato dalla collettività”.

Ricevi le notizie de IlPescara su Whatsapp

Infine Gianluca D'Andrea presidente della Life Pescara che ha subito condiviso l'iniziativa, spiega, “ soprattutto conoscendo i numeri del nostro territorio nel periodo estivo. Un territorio costiero di circa 13 chilometri, che partendo da Pescara si estende a Montesilvano e Città Sant’Angelo, dove alla popolazione locale si va ad aggiungere un afflusso turistico considerevole. Proprio per questi motivi, alle postazioni 118 territoriali esistenti, si vanno ad inserire due ulteriori mezzi di soccorso: due ambulanze di ultima generazione che la nostra associazione metterà a disposizione della collettività. Gli equipaggi saranno composti da personale infermieristico messo a disposizione della Asl di Pescara che ringrazio, la cui attivazione è di esclusiva competenza della locale Centrale operativa 118”.

Anche D'Andrea sottolinea la tempestività d'intervento che ci sarà grazie ai due nuovi mezzi per i cosiddetti intervento “tempo-dipendenti”, e cioè quelli “dove il fattore tempo può fare la differenza per il buon esito degli stessi. Da parte della mia organizzazione di volontariato faccio i complimenti alle istituzioni e al Sib per l’iniziativa e la sensibilità dimostrata nell’attuazione di questo progetto e ringrazio di cuore l’esercito e la polizia che ci darà la possibilità di sostare, presso i loro lidi, in posizioni assolutamente strategiche, garantendo una risposta immediata”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Estate più sicura con le "ambulanze del mare" che tornano con una novità: a bordo c'è anche l'infermiere
IlPescara è in caricamento