rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024
Attualità Stadio / Viale Pepe

In viale Pepe tornano le palme al posto dei lecci, gli ambientalisti: "Scelta senza senso"

I comitati Conalpa, Aiapp Abruzzo e Pro Natura Abruzzo condannano la decisione dell'amministrazione comunale riguardante viale Pepe

In viale Pepe torneranno le palme, ma la decisione non piace ai comitati ambientalisti Conalpa, Aiapp e Pro Natura Abruzzo che attaccano l'amministrazione comunale per aver scelto di tagliare i lecci, un "assalto" contro il verde cittadino che soffre della cementificazione e necessita di alberi che diano ombra e siano utili contro l'inquinamento.

Inoltre, secondo le associazioni, il taglio dei lecci in primavera può causare problemi ai nidi causando danni alla biodiversità.

Il Quercus ilex, da sempre simbolo del paesaggio abruzzese e pescarese, è una specie molto importante per gli ecosistemi, simbolo del mediterraneo e della nostra storia. E’ tra i migliori alberi contro il particolato atmosferico ed è un ottimo albero da ombra. Ripiantare palme Washingtonie, specie ornamentali che non svolgono mitigazione dell’isola di calore o lotta all’inquinamento, ci sembra un nuovo fallimento nella gestione del verde pescarese.

A Pescara, ribadiscono le associazioni ambientaliste, occorre cambiare modo di operare anche quando sono avvenute nuove piantumazioni che si sono dimostrate dei fallimenti con alberi giovani rinsecchiti e ulteriore dispendio di denaro da parte del Comune. Per combattere il calore e l'inquinamento occorrono latifoglie sempreverdi, alberi da ombra, anti-smog, siepi di arbusti.

Le nostre associazioni si sono sempre rese disponibili a collaborare con l’amministrazione per il miglioramento del patrimonio arboreo cittadino, desiderosi di dialogo e soprattutto di confronto costruttivo. Queste scelte creano danni e non migliorano la qualità dell’aria in città.

lecci2-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In viale Pepe tornano le palme al posto dei lecci, gli ambientalisti: "Scelta senza senso"

IlPescara è in caricamento