Il dottor Albani sulla fase 2 del Coronavirus: "C'è una tregua ma il virus non è stato ancora sconfitto" - VIDEO -

Il responsabile dell'unità di crisi dell'emergenza Coronavirus in Abruzzo dotto Albani è intervenuto durante la rubrica dell'ufficio stampa della Regione "Sos Coronavirus"

Non abbassare la guardia e mantenere distanziamento sociale e mascherine. Il responsabile dell'unità di crisi per l'emergenza Coronavirus in Abruzzo, dottor Albani, è intervenuto durante la rubrica dell'ufficio stampa della Regione "Sos Coronavirus" facendo il punto della situazione per quanto riguarda la pandemia nella nostra Regione.

Albani ha specificato che dall'inizio della fase 2, si è scelto in Abruzzo un riavvio graduale delle attività ospedaliere tradizionali, fino ad arrivare alla data del 18 maggio quando riprenderanno quasi la piena operatività i servizi ambulatoriali e le prestazioni ospedaliere in tutte le Asl abruzzesi. Saranno effettuate visite mediche programmate e con orari distanziati per evitare assembramenti nelle sale d'attesa, ed i positivi al Covid19 seguiranno percorsi indipendenti e separati rispetto ai normali pazienti.

PARRUTI: "IN ABRUZZO DATI CONFORTANTI"

Durante la fase critica dell'emergenza Coronavirus, al pronto soccorso di Pescara si è avuto un calo degli accessi in linea con la media nazionale, pari ad una diminuzione attorno al 60 - 70%. Nelle prossime settimane e mesi in base ai dati si cercherà di capire se si è trattato quasi esclusivamente di pazienti da codice bianco o verde (con patologie non severe), oppure se anche qualche paziente che necessitava di cure ospedaliere ha rinunciato all'accesso per la paura generata dal contagio del virus.

Il dottor Albani poi è tornato sulla questione del contagio fra i bambini, in particolare nella fascia fra gli 0 e 6 anni, ribadendo che i dati mostrano come il Coronavirus abbia avuto pochissimo impatto su questa fascia d'età. In Abruzzo sono stati pochissimi i casi positivi ed attualmente solo una bimba di 4 mesi colpita da insufficienza respiratoria non severa è ricoverata in ospedale. Infine il responsabile della task force abruzzese ha ricordato che la battaglia contro il Covid19, nonostante i dati delle ultime settimane siano confortanti, non è ancora vinta e solo dopo l'analisi e l'andamento dei contagi fra il 15 e 20 maggio, quando dovrebbero manifestarsi i possibili nuovi contagi dovuti alla ripartenza, si capirà se si tratta solo di una tregua o se si sta andando verso una vittoria contro il virus.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morto l'ex arbitro di calcio Stefano Pitocco, aveva 44 anni: Loreto Aprutino e Aia-Pescara in lutto

  • Uomo trovato morto nella sua camera dalla madre, tragedia nel Pescarese

  • Chiarita la causa del decesso dell'uomo trovato in una pozza di sangue nella sua camera dalla madre

  • Morto l'uomo di Città Sant'Angelo colto da un infarto mentre correva con la moglie

  • Incidente lungo l'asse attrezzato, auto si ribalta e prende fuoco: tamponamento tra altre 4, ferite 6 persone [FOTO]

  • Malore nel bagno di un autogrill sull’A14, muore un uomo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPescara è in caricamento