rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Attualità

L'aggressione omofoba di Pescara finisce anche a "La vita in diretta"

Ieri, infatti, l'episodio è stato ripercorso dalla vittima (un 25enne gay molisano) al microfono di Max Franceschelli. Il giovane ha raccontato di essere stato assalito da un gruppo di «6-7 giovani, tra cui una ragazza, di età compresa tra i 16 e i 18 anni»

L'aggressione omofoba di Pescara finisce anche a "La vita in diretta". Ieri, infatti, l'episodio è stato ripercorso dalla vittima (un 25enne gay molisano) al microfono di Max Franceschelli. Il giovane ha raccontato di essere stato assalito da un gruppo di «6-7 giovani, tra cui una ragazza, di età compresa tra i 16 e i 18 anni». 

Lui, che stava passeggiando «mano nella mano» con il compagno di 22 anni, non ha reagito agli insulti, ma poiché il branco li ha successivamente raggiunti è stato in qualche modo costretto ad affrontare quei ragazzi: 

«Uno di loro si è staccato dagli altri e mi ha colpito con un pugno sulla mascella. Sono intervenuti dei passanti, e anche loro sono stati presi a pugni».

Durante la trasmissione è intervenuta anche Vladimir Luxuria, che ha invitato tutti a «condannare sempre l'odio, che io conosco perché l'ho provato sulla mia pelle», sottolineando quanto sia importante «denunciare».

Aggressione omofoba Pescara Vladimir Luxuria

Il Comune non si costituirà parte civile contro gli aggressori omofobi, Acerbo: "Vergognoso"

Intanto della vicenda si è occupato anche il noto giornalista Massimo Gramellini, che sul Corriere della Sera ha scritto: «Se dunque ho capito bene, per la maggioranza che governa Pescara, schierare Pescara contro chi picchia i gay equivale a riconoscere che a Pescara vi siano persone allergiche ai gay, è molto meglio far credere che allergico ai gay sia soltanto il consiglio comunale».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'aggressione omofoba di Pescara finisce anche a "La vita in diretta"

IlPescara è in caricamento