Attualità

Aggressione omofoba, le reazioni del consigliere Di Iacovo e di Sinistra Italiana

Arrivano i commenti del consigliere comunale ed ex assessore Di Iacovo e di Sinistra Italiana Abruzzo

Arrivano le reazioni al grave episodio di violenza omofoba avvenuto sabato notte a Pescara, dove una coppia di brasiliani è stata aggredita e picchiata da un uomo poi fuggito. Dopo la condanna da parte dell'Arci, hanno commentato la notizia anche il consigliere comunale ex assessore Giovanni Di Iacovo e Sinistra Italiana Abruzzo con Licheri e Di Brigida.

Di Iacovo, eletto in consiglio con la lista "Pescara città aperta", condanna l'episodio e sottolinea come questo genere di aggressioni si stampo omofobo o razzista siano in aumento nel nostro Paese:

Le forze che seminano odio non devono poter germogliare nel nostro Paese e nella nostra città. Così come nei casi delle altre aggressioni simili avvenute a Pescara, anche stavolta il responsabile non la farà franca e sarà assicurato alla giustizia, ma non basta. Occorre che a tutti i livelli, sia quelli istituzionali che quelli sociali e culturali, si faccia fronte per eliminare le tossine di violenza, intolleranza e odio dalla circolazione della nostra bella, moderna e libera città. Un primo passo è l’approvazione del disegno di legge regionale contro l’omofobia già depositato nella scorsa legislatura. 
Nella nostra città, la diversità è un valore, la devianza è solo nella mente chi pensa di poter prendere a pugni la libertà di un individuo

Sinistra Italiana, invece, punta l'attenzione sulla richiesta al Governatore Marsilio di approvare una legge contro l'omofobia, proposta di legge già presentata nella scorsa legislatura, mentre alla nuova amministrazione comunale di Pescara chiede di mettere in campo atti concreti per tutelare i cittadini:

Ci uniamo poi all'appello lanciato dall'Arci di Pescara nel mobilitarci come forze organizzate e come singoli cittadini contro i luoghi di aggregazione nati di recente nelle vie del centro di Pescara, evidentemente animati  dall’ideologia fascista. Qualunque luogo palesemente ispirato da principi contrari alle leggi italiane e alla nostra Costituzione, deve interrompere immediatamente ogni attività perché pericolosa per l'incolumità della cittadinanza.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aggressione omofoba, le reazioni del consigliere Di Iacovo e di Sinistra Italiana

IlPescara è in caricamento