rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Attualità Città sant'angelo

Cucciola e Pulsar sono inseparabili, anche in canile: un progetto scolastico a Città Sant'Angelo per un'adozione del cuore

La triste storia di una doppia rinuncia di proprietà ha colpito molto gli studenti della 2A della scuola di primo grado “Nicola Giansante” e così la professoressa Antonietta Pierfelice ha trasformato in un progetto didattico e d'amore la loro sensibilità, ma per ora una nuova casa non c'è: raccogliamo il loro appello perché questa storia possa avere il suo lieto fine

Si chiamano Cucciola e Pulsar, sono cresciuti insieme in famiglia e insieme, purtroppo, sono stati protagonisti di una rinuncia di proprietà. Hanno 9 e 7 anni e da circa un anno sono in canile. Come tutti gli ospiti di queste strutture sono in cerca di famiglia

Una storia come tante, si dirà, ma questa ha una sua unicità. Sì perché a prendere a cuore la loro vicenda e a realizzare un vero e proprio progetto scolastico (Un canile nel cuore) con l'obiettivo di far sì che qualcuno li accolga nella propria casa, sono stati gli alunni della 2 A della scuola secondaria di primo grado “Nicola Giansante” di Città Sant'Angelo.

Ricevi le notizie de IlPescara su Whatsapp

Un progetto nato grazie alla professoressa Antonietta Pierfelice che nei primi giorni di scuola ai suoi alunni ha chiesto quali erano le loro passioni. Molti hanno parlato di animali e così lei che da sempre, ci racconta, adotta cani soprattutto anziani che sono ospitati nelle strutture del territorio, ha pensato di lavorare con a un progetto che fosse funzionale dal punto di vista della formazione prettamente nozionistica spingendo gli alunni a studiare le normative nazionali e regionali, a conoscere le associazioni presenti sul territorio e a imparare quali son gli iter per adottare un quattro zampe, ma anche dal punto di vista emozionale. L'obiettivo infatti è nobile: far sì che Cucciola e Pulsar ritrovino l'affetto di cui sono stati privati dando così un lieto fine anche al progetto cui hanno tanto lavorato gli studenti. Un progetto che è consistito anche nella realizzazione di tante locandine con quella più rappresentativa in cui hanno inserito non solo tutti i dati dei due cani, ma anche una filastrocca per sensibilizzare le persone ad adottarli.

I due amici pelosi si trovano a “La Rupe” di Civitella Casanova che ha accolto favorevolmente il progetto, spiega la docente. I due amici a quattro zampe anche lì vivono insieme condividendo gli stessi spazi e supportandosi a vicenda. “Tramite una delle associazioni che abbiamo contattato – spiega la professoressa Pierfelice – abbiamo anche trovato un'educatrice cinofila pronta a dare il suo aiuto a chi deciderà di adottarli. Per ora purtroppo non è successo, ma sarebbe bello se  ci fosse un bel finale per loro e per il progetto. Sarebbe una grande soddisfazione per i ragazzi”. Un primo progetto cui, aggiunge, spera di poterne aggiungere altri con altre classi e negli anni a venire.

Oggi però la storia è quella di Cucciola e Pulsar e di chiunque voglia davvero dar loro una nuova vita. Sarebbero felici loro, ma anche gli alunni della primaria di Città Sant'Angelo che l'impegno ce lo hanno messo davvero tutto.

La locandina per l'adozione di Cucciola e Pulsar

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cucciola e Pulsar sono inseparabili, anche in canile: un progetto scolastico a Città Sant'Angelo per un'adozione del cuore

IlPescara è in caricamento