A messa con l'autocertificazione, ecco cosa cambia per le attività pastorali

Dopo la proclamazione dell'Abruzzo come zona rossa, le messe continueranno a svolgersi in presenza ma bisognerà munirsi di autocertificazione. Discorso leggermente diverso, invece, per la catechesi e lo svolgimento delle attività pastorali

In seguito ai provvedimenti adottati dalla giunta regionale e in vigore dal 18 novembre, la Ceam (conferenza episcopale abruzzese-molisana) ricorda che le celebrazioni in presenza continuano regolarmente osservando tutte le disposizioni e precauzioni indicate e già messe in atto.

I fedeli, per partecipare alle celebrazioni o per recarsi nei luoghi di culto, dovranno essere muniti di autocertificazione. Discorso leggermente diverso, invece, per la catechesi e lo svolgimento delle attività pastorali: in quel caso bisognerà evitare momenti in presenza ove non siano assicurate le condizioni di sicurezza necessarie (spazi, distanziamento, mascherine, piccoli numeri etc.).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per il Tg1 l'Abruzzo diventa "#zonarozza": la gaffe spopola sul web

  • Uomo ritrovato morto nella sua stanza dal padre anziano, tragedia in viale Bovio

  • Cerbiatto corre sul lungomare sud di Pescara, il video fa il giro del web

  • Furto d'identità a Pescara, il caso finisce a "Le Iene" [VIDEO]

  • Addio a Guido Filippone, Cepagatti piange il suo "Barone"

  • Ha i sintomi del Covid dopo la positività del coinquilino ma il tampone arriva dopo 20 giorni, il racconto di un pescarese

Torna su
IlPescara è in caricamento