Attualità

L'Abruzzo fra le tre regioni italiane con la quota più alta di giovani diplomati

Assieme all'Abruzzo, che raggiunge quota 89%, ci sono Molise al 91% e Marche all'88%

In Italia otto regioni sono sotto la media europea per quanto riguarda le quote di diplomati, mentre tre fra cui l'Abruzzo sono sopra la media con livelli molto alti. I dati emergono dallo studio condotto dall'Eurostat sull'abbandono precoce dell'istruzione e della formazione nelle Regioni europee nel 2020.

Se infatti   Sicilia, Calabria, Campania, Puglia, Bolzano, Lazio, Valle d'Aosta e Sardegna hanno fatto registrare dati al di sotto della media europea fissata all'84%, con la maglia nera a Sicilia (76%), seguita da Calabria (79%) e Campania (80%), come riporta Ansa in Abruzzo la quota è dell'89%, nelle Marche dell'88% e in Molise del 91%.

Le tre regioni europee che hanno registrato la quota più alta di giovani di età compresa tra 20 e 24 anni con almeno un livello di istruzione secondario superiore sono tutte greche: Tessaglia e Ipeiros (entrambe al 99%), seguite da Dytiki Makedonia (98%). Sempre in Tessaglia, la totalità delle giovani donne risulta che abbiano un diploma, quasi come in Ipeiros e nella regione croata di Jadranska Hrvatska (99%).

Per i giovani uomini, la Grecia resta in testa con Dytiki Makedonia e Ipeiros (entrambe al 99%) e Tessaglia (98%). I livelli più bassi in Europa si registrano a Ceuta in Spagna con appena il 50%, nelle Azzorre (62%) e nelle Baleari (65%).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Abruzzo fra le tre regioni italiane con la quota più alta di giovani diplomati

IlPescara è in caricamento